Renzi se dimette (anzi ancora no)


Renzi è forsetocco, ma nun fesso
quanno rimanna ad un congresso
er probblema der tonfo all’elezione
peccui ha dovuto dà ‘a dimissione.

Campa cavallo, ché l’erba cresce!
pensa e te ripensa er furbacchione
che fa: “me ne vado!”, ma nun esce
e quatto quatto resta sur portone.

Je rode er culo ch’ er carrozzone
de ‘a politica possa rinuncià a lui;
ma come? dice, co’ ‘sti tempi bui
me volete scaccià da ‘r baraccone?

E chi, sennò, v’accende ‘na risata?
Nun certo quer poro Berluscone
che nun sa più co’ quale smargiassata
smette i panni dernonno bacuccone.

Renzi invece è ancora tanto giovane,
pe’ questo vo’ restà pefforza ‘n ballo
puro se porta Noantri tutti a lo stallo:
co’ Filistei, è la solfa , muoia Sansone.

Già, a lui der partito che jiene frega,
anche se jielo tajassero co’ ‘na sega
se ne farebbe lascià da parte una fetta
pe’ fumà doppo magnato ‘na sigaretta.
Piesse:
quarcuno se lamenta che ‘ste rime
risultassero ‘ndigeste è ‘n po’ cattive,
ma che corpa ciò io se nun ha fine
er ridicolo de’ chi s’espone all’invettive?

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati