L’uccelleto e il COVID


Disse l‘uccelletto nella voliera:
„Come cazzo s‘apre sta cerniera,
So‘ stufo de sta chiuso dentro
Me vojo fa du‘ passi ar centro!“

Riuscì ad aprire ‘a seratura
Ed evase dar luogo de tortura,
Annò a scolasse ‘na bella bira
in mezzo alla gente che delira.

Uno starnuta e n‘antro respira
E co‘ tutto ‘sto virus che rigira
L‘uccelletto finì all‘ospedale
E smise pe‘ sempre de cantare.

Fu così ch’er povero uccelletto
Volenno volá via, er poveretto,
Terminò li giorni sua nel letto
E se trasformò in un‘angioletto.

Morale de ‘a favola: amico
Vedi ‘n po‘ de nun fa cazzate,
Nun è er momento de fa er fico,
Sinnò t‘ammollo tante bastonate.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati