Draghi: Ei fu davvero?


Draghi era partito come ‘n razzo
Che pareva ch’arivasse a Marte,
S’era pure calato nella parte:
Ecchime pronto a famme er mazzo.

Poi venne sommerso da le carte,
Da ‘mpicci, imbroij e da’ casini
De gente senz’arte e senza parte
Che se mise ‘ntorno, ‘sti cretini.

C’avevo ben sperato, so’ sincero,
E so’ caduto a tera come ‘n pero
Quanno me so’ reso infine conto
Che ‘sto volpone è ‘n finto tonto.

Che ce posso fá, nun me fá sogná
D’esse ‘nculato da ‘n banchiere,
È come se uno volesse anná
A sposasse co’ ‘n Carabiniere.

Nun ce ll’ho co’ lui, pe’ caritá,
‘Sto poraccio fá quello che po’ fá,
Ma prima t’induce ‘n tentazione
Poi t’eleva ‘na contravvenzione.

Draghi è proprio ‘n gran marpione,
Pe’ onestá dovemo dilla tutta:
Felice e sorridente ‘a missione
Assolve portannoce alla frutta.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati