I pizzini di Ligresti: quando l’economia tradisce il mercato

Data:

angelo ligresti
Esiste una regola fondamentale in ogni economia (non solo quella libera o liberale che sia): quando una ditta è vicina al fallimento e viene acquistata (e salvata) da un altro è questo che detta le condizioni e le regole: se vuoi che ti salvi devi accettare le mie condizioni.
E questo avviene in ogni occasione: anche in una famiglia. Se un parente mi chiede un aiuto, un soccorso, sarò io a dettare le condizioni.
Ebbene questo avviene ovunque, sotto ogni latitudine o sistema economico, tranne che… in Italia!

La Fonsai, società d assicurazione gestita dai Ligresti, è arrivata molto vicina al fallimento grazie alle operazioni sconsiderate e (spesso) illegali della famiglia: per salvarla è stata fusa con Unipol grazie all’intervento di Mediobanca e altre grosse banche italiane. Tutti ci saremmo aspettati che Mediobanca e gli altri ponessero delle condizioni al loro intervento: io ti salvo ma ti dico come e cosa fare..
Invece sono stati i Ligresti a porre delle condizioni per arrivare a cedere la propria azienda (e condizioni, come abbiamo saputo dal “papello” reso noto ora, tutt’altro che lievi: 700.000 euro all’anno per ogni figlio, uffici, auto, dipendenti a disposizione per cinque anni, 40 milioni di euro di extra).

Un grande esempio di economia alla rovescia: il debitore che pone condizioni per essere salvato!

Perché è potuto avvenire questo? Perché i Ligresti hanno potuto ricattare le banche che si erano esposte con loro senza sufficienti garanzie: se non ci aiutate, falliamo e voi perdete tutto.

Questo può succedere perché in Italia manca un vero libero mercato: un mercato cioè trasparente, regolato da norme e paletti chiari e ben definiti, in cui si seguono le regole della concorrenza e non le regole del sottogoverno e dello statalismo tanto care a molti dei grandi imprenditori italiani: si ottengono crediti dalle banche non in base alle garanzie fornite e all’attività della propria azienda, ma in funzione delle amicizie politiche.
Ecco perché un libero mercato è, come da sempre dicono i Comitati, una necessità ineludibile per avere un’economia sana ed efficiente.

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga