Er tifoso romanista


Er romanista è solo ’n poveretto
che crede d’avé vinto ‘o scudetto
quanno ancora scotta sopr’ ar tetto
er solleone dell’agosto maledetto.

Ma ppoi s’encazza quanno piove
pecché la sua squadra nun se move,
‘a classifica s’allunga e le prove
der campo nun so’ quelle che se vole.

Allora er tifoso romanista
se ‘a pija co’ ‘r primo de ‘a lista,
che sarebbi poi l’allenatore
e je conta i ggiorni e ll’ore.

Ar seconno posto er portierone
che nun acchiappa più ’n pallone,
e nun parlamo de quer difensore
che pe’ fà du’ metri ‘mpiega ll’ore.

L’attaccante è ‘na disperazione,
s’è beccato pur qualche mijone,
ma liscia de continuo quer pippone
barcolla come fosse ’n’ubbriacone.

Morale de’ ‘a favola: chi vince
troppo presto senza avè giocato
è come  ‘na majetta che se stinge
appena che la metti ner bucato.

Romanista, nun fà er laziale,
poi finisce che te fai der male,
penza ar tuo peccato origginale
d’avè vinto prima de giocare.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati