TAXI: altro che apertura alla concorrenza!

Data:


Delle vicende delle licenze da aumentare per garantire un servizio taxi, che, non dimentichiamolo, è almeno ufficialmente un servizio pubblico, tutti ne conosciamo la storia.
È una storia di uno dei settori dell’economia in cui vige il monopolio più stretto, il dominio di una corporazione efficiente quanto compatta.
Un aspetto curioso quanto illuminante di questa situazione è la nuova disposizione che dovrebbe governare la concessione di licenze da parte dei comuni: l’importo incassato dovrebbe essere devoluto agli altri tassisti per compensarli dell’aumentata concorrenza!
Ma allora perché non applicare gli stessi principi all’apertura, che ne so, di un ristorante? Dovrebbe essere obbligato a pagare gli altri ristoranti della zona per compensarli della maggiore concorrenza?
E se un tassista rinuncia e restituisce la licenza non dovrebbe funzionare lo stesso decreto al contrario? Ovvero gli altri tassisti dovrebbero compensarlo perché ritirandosi diminuisce la concorrenza?
Si tratta di aberrazioni e di situazioni al limite del ridicolo che nascono tutte dalla mancanza di concorrenza. Si lasci libero il mercato ponendo, questo si, delle barriere e dei paletti ben precisi: le caratteristiche delle auto utilizzate; controlli frequenti e severi dei requisiti di sicurezza; albo per gli autisti che devono assicurare requisiti di onestà, correttezza e capacità.
Solo in questo modo si avrà un servizio davvero pubblico, utile alla cittadinanza e aperto a tutti e non solo a chi se lo può permettere o è obbligato a usarlo (come anziani o malati).
Naturalmente occorrerebbe un regime transitorio in cui riconoscere i diritti dei tassisti che hanno acquistato a caro prezzo, e spesso in nero, la licenza: è in pratica il loro avviamento.
Si potrebbe concedere un credito d’imposta calcolato sui redditi dichiarati negli anni passati, credito di imposta che potrebbe diventare anche un’imposta negativa se non ci fossero redditi sufficienti.
Altrimenti continueremo a vedere le scene viste in questi ultimi giorni: situazioni degne di un paese del terzo mondo e che oltre a non assicurare un servizio valido ci fanno all’estero una pubblicità pesantemente negativa, altro che manifesti con la Venere che mangia la pizza!

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga