Soldato senza nome


Esci dalla tua comoda trincea e vai deciso all’assalto insieme ai tuoi compagni di bevute.

Dimentica le volgarità della caserma e pensa solo alla bellezza del fucile che ti è stato affidato e che ora devi meritare.
Ai suoi proiettili lucidi e mortali.

Pensa alla Patria e urla di gioia e di coraggio guerriero mentre avanzi accorto , di metro in metro, di buca in buca, incurante del filo spinato e del rombo delle artiglierie.

Vai dunque ! All’assalto!
E uccidi tutti quegli uomini senza volto che ti si parano davanti, che non ti sono simili in nulla e che certo non devono vivere un stante più di te.

E quando anche tu dovrai morire, dovrai solo morire senza rimpianti. E portare con te la tua arma.

Ti attenderà il paradiso degli eroi e lì potrai uccidere tanti inutili angeli; e lì potrai liberarci di tanti predicatori scomunicati.

La tua arma sarà la tua anima…

di Bruno Goatelli

Sull'Autore

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati