Riforma fiscale: una necessità, ma non un incentivo all’evasione

Data:


La necessità di una profonda revisione del sistema tributario italiano non deve diventare un incentivo all’evasione, altra grande malattia del nostro sistema

La riforma fiscale è uno dei cardini della proposta del nuovo Governo. Un fisco amico, che collabori con i contribuenti sulla base della buona fede, che attraverso la reciproca collaborazione elimini il concetto di “Stato di paura” è un’iniziativa da approvare incondizionatamente: il cittadino deve essere trattato come tale, non come un suddito potenzialmente ribelle da torchiare senza pietà.
Ma le prime proposte sembrano andare in un senso pericoloso: togliere norme che servono a contrastare l’evasione, vero cancro del sistema tributario italiano.
Infatti:

  • si parla ormai apertamente di condono fiscale. Un taglio molto significativo ai debito verso il fisco può essere una misura opportuna quando si volta pagina (lo fece la riforma Vanoni degli anni ’50) ma se parte dalla logica del “facciamo cassa e poi faremo le riforme” rischia di essere il solito premio agli evasori e uo sberleffo a chi le tasse le ha, magari faticosamente, pagate
  • si parla di stabilire che l’onere della prova sarà sempre a carico dell’amministrazione. Norma senz’altro di buon senso che però dovrebbe poter essere superata in certi casi particolari che fanno nascere il sospetto di operazioni in nero o peggio: basti pensare a bonifici o versamenti consistenti che non risultano da alcuna scrittura contabile. Come potrà in questo caso l’amministrazione scoprire operazioni illecite se non può chiedere al contribuente di dimostrare la correttezza dell’operazione?
  • Si parta di togliere lo “split payment” (cioè il fatto che nei rapporti tra Stato e fornitori, lo Stato non versa l’IVA al fornitore ma la trattiene direttamente). Ciò può causare problemi di liquidità alle ditta che non incassano l’IVA e la devono versare ai fornitori. Ma questo può essere superato con compensazioni o rimborsi, non eliminando un sistema che ha permesso di recuperare miliardi di IVA evasa
  • Si parla di abolire il redditometro, strumento che viene ormai usato molti di rado, ma che permette di colpire casi eclatanti come nullatenenti in Ferrari ecc

Misure da prendere ce ne sarebbero tante: semplificare leggi e regolamenti, rendere più snelle procedure e approcci agli uffici finanziari, introdurre sistemi di controllo che semplifichino la vita ai cittadini. Un esempio potrebbe essere lo scontrino elettronico già introdotto in Portogallo. Con questo sistema ogni scontrino viene comunicato in automatico al fisco che può emettere a fine anno una dichiarazione automatica dei redditi che comprenda tutte le deduzioni dovute a scontri o fatture. Sistema integrato da una lotteria a cui partecipano tutti gli scontrini emessi. In questo modo i cittadini avrebbero semplificato le proprie dichiarazioni e si darebbe un notevole impulso alla lotta all’evasione.
Sarebbero tutti contenti: fisco e cittadini. Tranne gli evasori: forse per questo non se ne parla?

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano