Riforma del fisco: cominciamo dalla base!

Data:


C’è un gran fiorire di proposte e iniziative per la tanto attesa riforma del fisco.
Chi propone l’abolizione dell’Irap; chi di introdurre una patrimoniale progressiva al posto di Imu, bolli e imposte di registro; chi di modificare le aliquote Irpef; chi di accorpare le aliquote Iva… ce ne è per tutti e per tutte le imposte.
Ma quello di cui non si sente parlare è proprio la correzione dell’iniquità più grande, quella che sta alla base dello stesso sistema.
Infatti si può discutere sulla progressività delle aliquote, sulla loro curva, sulla flat tax, su imposte dirette o indirette, ma quello su cui non si dovrebbe transigere è l’equità di fondo del sistema.
Perché se è giusto che chi guadagna di più paghi di più, che chi ha poco o nulla non paghi niente o poco, non si capisce perché due cittadini debbano pagare diversamente se guadagnano la stessa cifra.
E’ un principio fondamentale di giustizia: tutti quelli che guadagnano la stessa cifra hanno la stessa capacità di spesa e quindi debbono pagare le stesse tasse.
E questo è proprio quello che non succede con il fisco italiano: ognuno ha un’imposizione diversa a secondo da dove proviene il suo reddito: 1000 euro guadagnati da un lavoratore dipendente scontano un’aliquota progressiva, gli stessi incassati da un artigiano o un piccolo imprenditore pagano con un’aliquota fissa, il proprietario di casa paga sul reddito procuratogli dall’affitto un’aliquota ben più bassa di chi lo stesso reddito procurato con investimenti finanziari.
Per rendere il tutto più iniquo chi ottiene 1000 euro da un investimento in Bot paga 125 euro (dato che l’aliquota è in questo caso del 12,5%) mentre chi incassa gli stessi 1000 euro da un investimento in altro titoli ne paga 260 (l’aliquota è in questo caso del 26%).
Sono solo alcuni dei tantissimi esempi che si possono fare: in Italia si pagano le tasse non solo in funzione dell’utile incassato, ma anche in funzione della provenienza di questo utile.
Tutto questo senza considerare il mare di esenzioni, sconti, detrazioni ammesse che rendono praticamente “ad personam” l’aliquota con cui viene tassato ogni cittadini.
Perché allora non cominciare a sfoltire questa giungla, a far sì che tutti paghino le stesse tasse per lo stesso guadagno? Certo, alcuni pagherebbero di più, ma sono quelli che fino a ora hanno approfittato di questo sistema scaricandone i costi sugli altri cittadini (spesso i più deboli e indifesi).
Avremmo un sistema fiscale più trasparente, più semplice, più equo e probabilmente meno costoso.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano