Il candidato sindaco scelga la giunta prima del voto

Data:

pagliarini
Sarebbe uno dei tanti sistemi possibili per ridurre il potere della partitocrazia che si nutre proprio di queste trattative post elettorali

E’ importante che il prossimo sindaco di Milano non sia ostaggio dei partiti.
Se un partito politico non ha voti, prima o poi cessa di esistere. Tecnicamente muore. Obiettivo prioritario dei partiti politici, perciò, non è il bene comune, ma sono i voti. E’ una questione di vita o di morte. Ma lavorare con l’obiettivo di essere votati e lavorare con l’obiettivo di realizzare il bene comune non sono assolutamente la stessa cosa. Oltre ai partiti politici ci sono anche dei signori (tanti) che “fanno politica di mestiere“. Questi signori quando non vengono rieletti perdono il lavoro e quindi anche per loro la ricerca dei voti viene prima della ricerca del bene comune. Ci sono anche dei signori (non molti) che non fanno politica per mestiere. Cito Adriano Olivetti, ma, per tornare a Milano, fanno certamente parte di questa categoria i candidati sindaco Parisi, Passera e Sala. Quando lo scorso dicembre Sala avevo sciolto le riserve, twittai che anche Lega, FI e tutto il centrodestra avrebbero dovuto candidarlo. Per un semplice motivo: un sindaco candidato da tutti i maggiori partiti avrebbe potuto “essere sé stesso”, senza dipendere da questi. Naturalmente il concetto vale anche per Parisi (che all’inizio degli anni 90 era un promettente giovane leone socialista) o Passera. Insomma, le decisioni di un sindaco candidato dai maggiori partiti sarebbero figlie solo della sua cultura, del suo buonsenso, e della sua ricerca del bene comune. Ed è quello di cui abbiamo bisogno, perché cosi si realizzerebbe il sogno di vedere partiti culturalmente diversi tra loro che lavorano assieme per i cittadini invece di litigare continuamente per gestire il potere.
L’aula di Palazzo Marino in questo modo ragionerebbe sui contenuti, senza l’assurda
“lotta politica” che vediamo da anni in consiglio comunale. Ho visto abbastanza da vicino come funzionano i partiti politici. Sono “di parte” ma questo non è un problema: questa è cultura. Il problema è che per i partiti contano sopravvivenza e gestione del potere. Di conseguenza conta solo il “Dio-voto”. La logica è sempre quella di parlare male degli avversari per far vedere che sei più bravo, e quindi “la prossima volta votate per noi e non per loro”. Se Parisi, Passera o Sala perdono queste o perderanno le prossime elezioni, nessun problema. Di mestiere non fanno “i politici”. Se non saranno eletti avranno subito altre cose da fare, probabilmente meno faticose e meglio retribuite. Ma se il PD, o FI, o la Lega non prendono voti, sono finiti: il partito chiude.
Qualche suggerimento in questa direzione, inoltre, vorrei darlo per il Consiglio comunale e la Giunta. I candidati che sono già stati consiglieri, nel presentarsi dovrebbero dire quale è stata la loro percentuale di presenza alle sedute di consiglio. Se sono stati sotto al 70% è davvero difficile capire perché si ricandidino. I candidati nuovi dovrebbero garantire che se saranno eletti non daranno subito le dimissioni, come è successo abbastanza spesso in passato: questa è una prassi davvero triste, perché in pratica si “gabbano” gli elettori con lo specchietto del nome famoso. Aggiungo che se ho stima per un candidato, a me non interessa se è nell’elenco dei candidati del partito XX oppure del partito YY. Lo stimo e lo voterò scrivendo il suo nome e cognome, ma non mi interessa minimamente qual è il partito che lo candida. Contano le persone, non i partiti.
Per quanto riguarda invece la Giunta, se il miglior sindaco del mondo dovesse lavorare con una squadra formata da persone mediocri o peggio che mediocri, le cose non funzionerebbero. Quindi, a mio giudizio, i canditati sindaco dovrebbero comunicare i nomi dei membri della loro squadra prima delle elezioni. I membri della Giunta li dovrebbe scegliere il candidato sindaco, non i partiti politici. Il lavoro lo fanno gli assessori: il sindaco ha le sue deleghe ma soprattutto deve fare un ferreo controllo di gestione, e in questo Parisi, Passera e Sala sono bravi.
Supponiamo che dopo aver ragionato, studiato e discusso, decidiate di votare uno di questi tre candidati. Perché avete deciso che è bravo e vi fidate di lui. Ma se dopo in giunta vi ritrovate persone assolutamente impreparate o peggio, cosa succede? Succede che avete votato male e che il sindaco che avete scelto non funziona. Ecco perché a mio giudizio i candidati sindaco dovrebbero rendere pubblica prima del voto la composizione della loro Giunta. E quando si decide per chi votare si valuta il candidato sindaco e anche la composizione della Giunta.
Se c’è gente incapace i motivi possono essere due: 1) il candidato non è capace di scegliere i collaboratori o di convincerli a lavorare con lui, e questo è grave, oppure 2) i membri della Giunta non li sceglie il sindaco ma li scelgono i partiti politici. E questo è ancora peggio,
perché si rischia di avere assessori che non lavorano assieme al sindaco con l’obiettivo del bene comune, ma pensano ai voti per il loro partito.

Giancarlo Paglierini

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga