StudiLiberali New Logo Modified_2

Sprechi

Alleghiamo una serie di articoli che ricordano esempi di crimini, che spesso sono resi possibili da

una eccessiva presenza dello Stato e da un eccessivo numero di norme e regole. Tutto poi ricade

comunque sul portafogli del Cittadino, così come gli sprechi che potrebbero essere evitati, diminuendo

la pressione fiscale e migliorando il livello di giustizia sociale. Altrettanto improduttive sono molte spese dello Stato che pretende di decidere cosa piace o non piace al cittadino.

Sprechi

Se i costi di tali interventi fossero tradotti in cash e venissero lasciati al cittadino senza prelevarli in tasse o aumentando l’assegno sociale o pensionistico, egli saprebbe spendere tali soldi meglio, anche in relazione alle sue priorità.

Tali sprechi ed interventi si eviterebbero facilmente con una minore presenza dello Stato, politici meno propensi a fare favori che poco hanno a che vedere con il ruolo dello Stato e delle pubbliche amministrazioni, maggiori poteri gerarchici, di controllo, di responsabilizzazione sui risultati e di sanzionamento dei manager pubblici.

Ed aver sempre presente che il cittadino sa meglio come spendere e con che priorità i soldi che ha a disposizione.

Purtroppo, oltre agli sprechi, gravano sulle spalle dei cittadini anche i costi della corruzione e della concussione e le relative maggiori spese che lo Stato deve sostenere a causa di queste pratiche, certamente meno presenti laddove l’organizzazione dello Stato e della Politica è Liberale e sussidiaria.

  • Acqua: il bicchiere è più pieno che vuoto

    Anche il Rapporto Asvis cade nella trappola di attribuire le carenze del sistema idrico al mancato rispetto della volontà popolare espressa col referendum del 2011. Mentre la responsabilità è di chi ancora si oppone al processo di modernizzazione... Di Donato Berardi, Antonio Massarutto e Samir Trai...

  • Opere inutili: Tav alla siciliana

    Tra le opere “strategiche” indicate dal governo Gentiloni ci sono due linee ferroviarie siciliane: la Messina-Catania e la Palermo-Catania. Per giustificarle si dovrebbe ricorrere a ipotesi molto azzardate. Come mostra un’analisi costi-benefici indipendente... Di Marco Ponti (da “laVoce.info)