StudiLiberali New Logo Modified_2

Lavoro

LavoroIl governo deve perseguire l’obiettivo affinché ogni cittadino italiano abbia la possibilità di ottenere un posto di lavoro legale, per mantenere se stesso ed i propri figli fino all’età scolastica e potersi permettere una dignitosa rendita da pensione quando non sarà più in grado di lavorare, oppure avrà accumulato un capitale pensionistico sufficiente per non pesare sulla collettività.

Ma ricordiamo che un rapporto di lavoro non può essere costruttivo o produttivo in forza d’obblighi di legge ma, è basato sulla collaborazione.

Ogni giorno il “mercato” (in pratica ognuno di noi quando diventa cliente) giudica e vota i risultati di questa partecipazione, acquistandone o no prodotti e servizi.

L’imprenditore non può che esserne il massimo responsabile, giacché decide in che modo e con chi ottenere gli esiti vincenti.

Se questi non premiasse la collaborazione di chi aiuta l’azienda ad ottenere risultati positivi, sarebbe

un cattivo imprenditore e diventerebbe la prima vittima di un tale miope comportamento.

Un buon industriale deve provvedere a sostituire quanti non sono all’altezza del compito ed a dimensionare gli organici alle evoluzioni del mercato e delle tecnologie.

La cessazione di un rapporto di lavoro non deve trasformarsi in un dramma, ma semplicemente, nella ricerca di una professione più adatta alle proprie capacità ed attitudini, con la tranquillità fornita da adeguati ammortizzatori sociali.

 

” Esercitare liberamente il proprio ingegno, ecco la vera felicità “. 

Aristotele

” Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio e il bisogno “.

François Voltaire

” Il miglior sistema di assistenza sociale è un lavoro “.

Roanld Reagan

” L’eccesso di statalismo rischia di impigrire l’individuo “.

Luig Einaudi

 LINKS

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro

Ministero per le Pari Opportunità

Banca dati mercato del lavoro Unioncamere

Borsa Nazionale del Lavoro

  • Licenziamenti, un blocco che non fa bene a nessuno

    Anziché congelare le eccedenze di forza-lavoro in attesa che ciascuna azienda possa riassorbire la propria, andrebbe sostenuta la transizione dalle aziende in crisi a quelle che cercano manodopera e non la trovano. Che sono più di quante si pensi... Pietro Ichino (da “laVoce.info”)

  • EurekaMimmo Parisi ha trovato una cosa inutile da far fare ai navigator (ma in che mani siamo?)

    Su richiesta del presidente di Anpal, ai quasi 3mila operatori assunti la scorsa estate è stato chiesto di inserire i dati (vecchi) di oltre 1,5 milioni di imprese sulla nuova piattaforma Moo, che però fatica a reggere gli accessi e va spesso in crash. Ma non doveva rivoluzionare il mondo del lavoro...