Popolare Vicenza: un crack di sistema

Data:

angelo
Le cosidette “popolari” crollano una dopo l’altra: segno di una gestione malata e spesso truffaldina avvenuta nel segno del consenso e dell’indifferenza di tutti

Anche la Popolare Vicenza, simbolo una volta di un Nord Est ricco, potente e rampante, è crollata sotto il peso dei debiti e dei crediti inesigibili.
Azioni comperate da migliaia di risparmiatori a 85.000 lire (44 euro) valgono ora 10 centesimi, carta straccia.
La Banca si è salvata solo per l’intervento del Fondo Atlante che, nato per alleggerire il sistema bancario dei crediti inesigibili, è diventato il salvagente delle popolari venete.
Ma come si è potuti giungere a questo punto? Solo ora si scopre che:

  • l’Adusbef aveva presentato prima del 2008 ben 19 esposti contro gli amministratori vicentini;
  • la Banca d’Italia nel 2001 (15 anni fa!) in un’ispezione aveva segnalato “un modello gestionale troppo verticistico” (cioè: comandava il solo Zonin!)
  • nello stesso 2001 la procura di Vicenza apre un’inchiesta per falso in bilancio nei confronti del presidente della banca
  • nel 2008 ancora l’Adusbef denuncia che per avere un prestito occorreva comperare azioni al prezzo stabilito dalla banca stessa (è reato di estorsione!)

Risultati?: nessuno. Nessuno di quelli che avrebbero dovuto intervenire si è mai mosso.

Perché?: adesso scopriamo che Zonin aveva adottato il sistema delle “porte girevoli”: assunzioni e offerte a chi avrebbe potuto essere interessato a queste inchieste.
Così veniamo a sapere che il funzionario della Banca d’Italia che aveva firmato il rapporto è poi diventato responsabile dell’audit della banca; figli e parenti di magistrati vengono assunti; ufficiali della Guardia di Finanza passano direttamente dalla divisa alla direzione della banca; lo stesso Monorchio, ex ragioniere generale dell Stato, diviene vicepresidente della Banca, ecc. ecc.

Nel frattempo i piccoli soci hanno perso tutto e Zonin continua a vivere beato in una grande villa in Friuli badando ai suoi interessi mondiali.

Cosa si sarebbe potuto (e dovuto fare) secondo Libertates: innanzitutto prendere atto della situazione e dichiarare la banca fallita: certo, nessuno avrebbe salvato un euro in più, ma si sarebbe potuto procedere per bancarotta fraudolenta verso tutti coloro che, in un modo o nell’altro, hanno portato al dissesto: una responsabilità non solo penale (la bancarotta fraudolenta è un reato penale grave) ma anche e soprattutto civile: chi l’ha prodotta ne risponde con i propri beni.
In questo modo invece tutti felici e contenti, salvo i piccoli azionisti che, alla fine, c’è da scommetterlo, saranno in parte risarciti da coloro che in tutto ciò non c’entrato per nulla: noi cittadini.
Ci sarebbe anche da prendere in considerazione un’altra possibilità: quella di limitare nel tempo e nello spazio il passaggio dal pubblico al privato: per esempio si potrebbe stabilire che chi ha occupato una funzione pubblica (soprattutto ispettiva) non possa per un certo periodo di tempo e nella stessa zona in cui ha operato occupare un posto in una società che avrebbe dovuto o potuto controllare

Guidoriccio da Fogliano

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga