L’Occidente è impegnato in non si sa cosa…e fa finta di non vedere “bene” l’Isis

Data:

andrea
Che cosa vuole l’Occidente in Siria?

La coalizione internazionale contro l’Isis è sul campo, o meglio in aria, da molto, forse troppo. I risultati militari sembrano essere inesistenti, ma non sono un esperto militare e il mio giudizio è solo quello di un cittadino comune che legge i giornali. L’impegno è fiacco e discontinuo. L’esercito di Assad, ormai allo stremo, è soccorso da Putin con qualche migliaio di uomini impegnati in supporto logistico e strategico, mezzi navali, aerei e, forse, carri armati e truppe di terra che potrebbero scendere in battaglia. Su questo poi si vedrà. I turchi hanno ingaggiato battaglia ma per scopi e obiettivi utili al solo Erdogan: contenere i vicini curdi e indebolirli politicamente e militarmente. “La Francia – si legge in recente comunicato della presidenza – ha colpito in Siria. Lo abbiamo fatto sulla base di informazioni raccolte nelle ultime operazioni aeree condotte da oltre due settimane, nel rispetto della nostra autonomia d’azione, in coordinamento con i nostri partner della coalizione”. Parigi “conferma il risoluto impegno” a combattere contro “la minaccia terroristica rappresentata da Daesh” annunciando di voler “colpire ogni volta che la nostra sicurezza nazionale sarà in gioco”.
La domanda è una ora che anche i francesi hanno deciso di intervenire con l’aviazione contro L’Isis.  Quale coalizione o più coalizioni internazionali sono schierate? Verrà creata una vera coalizione internazionale con al centro la strategia russa (seppur io non la approvi mi sembra l’unica in grado di portare a risultati, cioè eliminare fisicamente i terroristi dell’Isis) e lasciato al potere Assad? Proprio ora il regime di Damasco potrebbe far aprire gli occhi alla realpolitik e dimostrarsi l’unica vera e percorribile soluzione per una pacificazione, anche se lunghissima, dell’area e in grado in 20-30 di stabilizzare il paese e riportare a un graduale rientro dei profughi. Ma che fine farebbero le fazioni politiche laiche e moderate avversarie di Assad sostenute da Usa e Occidente? Lasciate al caos.

Gilbert du Motier de La Fayette

wp_user_avatar
Gilbert du Motier de La Fayette
Liberale fedele ai grandi ideali, rivoluzionario a riposo ma sempre pronto a scendere in battaglia in nome della democrazia e della libertà. Chissà chi è in realtà il marchese La Fayette.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano