L’eterno ritorno de l’uguale


Ssi “er sozzo e priapesco istrione”,
Prennenno da Gadda l’espressione,
Arivince n’antra vorta all’elezione
Io scappo  da sto cazzo de Nazzione.

Oppure me sa che me faccio prete
E come San Pietro vado a tirà ‘a rete
Visto che puro i pesci der mar Morto
So’ piu’ freschi der vecchio ch’è risorto.

Ahò, ma  come ha ricicciato ‘sto buffone
Che invece de godesse la priggione…
Chiedo scusa, intennevo ‘a penzione,
Fa er leone ché de fronte cià ‘n cojone!

Me sa che er Machiavelli de Rignano
Fà er gradasso ma è politicamente nano:
sembra ‘n  pallido fantasma fanfaniano
Bifronte da sinistra a destra come Giano.

Poracci noantri che ancora ce crediamo
Nell’ideale che animava er partiggiano,
E ce ritrovamo sur groppone ‘n ciarlattano
Che sta ad inciucià co’ l’istrione anziano.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati