L’addio de Totti


La pasquinata della settimana dedicata al capitano della Roma, Francesco Totti

Manca poco ch’ ‘o fanno santo
de Roma giallorossa er vanto:
se toje ‘a majetta amaranto
e ‘a città se scioje ‘n pianto.

Vero è che ha guadagnato tanto,
c’ha ‘na moje ch’è ‘no schianto,
fa ‘a soubrette – e se dà ar canto
pe’ nun sentillo parlà l’esperanto.

Ssì , ché c’ha problemi de favella
nun collega a lingua a le cervella,
ha ciucciato Frascati alla mammella
e pare più ‘mbriaco de Brighella.

J’ha sempre detto tutto molto bene,
nun ha vinto un cazzo che sia uno
ma è come s’avesse messo ‘n seme,
der trionfo ha fatto sentìprofumo.

“Ahò”, era la sua frase più famosa
ne’ ‘a romana dialettica rugosa
con cui traduceva puro dall’inglese
facendose capì da ‘n giapponese.

Agli amici confessa ‘sto campione
che continuerà a giocà a pallone,
non sa in quale formazione,
fosse pure in lega promozione.

Da laziale auguro ar Pupone
de non fa ‘a figura der cojione:
ahò, l’anni passano pe’ tutti,
nun se resta eternamente putti.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati