‘A Pasqua de Pasquino


La pasquinata di Pasqua

Tra la Pasqua e la Pasquetta,
ahò, la cinta me s’è stretta:
ho magnato come ‘n’elefante
e mo’ me sento più pesante.

D’antipasto inizio cor pasticcio
d’enteriora e poi ‘n capriccio
de’ salumi e de’ formaggi strani,
me so’ riempito co’ du’ mani.

Ovviamente è sceso er vino
come ‘n vortice der Tevere,
però sto bianchettogenuino
scorre bene nelle vene.

Vicino all’antipasto ‘na bruschetta
strusciata co’ l’ajio e olio de Sabina,
e ce stava proprio bene lì vicina
n’antra sifonata de “fraschetta”.

Tutto accompagnato da ‘na fetta
de pecoro romano e ‘na sottiletta
de parmigiano, grana e nun reggiano
che costa troppo e lo fa er padano.

Mentre bolle l’acqua delle fettuccine
me magno un paro de tartine,
e già ch’er bicchiere voto langue
me ne scolo uno bello rosso sangue.

Er primo piatto certo nun lo salto,
è per metabolismo l’appetito alto,
d’abbacchietto er sugo è la pajata
e continuo de Pasqua la magnata.

Nun me faccio scappà l’intermezzo
der Casatiello… sarà pur napoletana,
ma è tradizione gradita alla romana
gente che se ne pappa più d’un pezzo.

Nun finisce certo qui sto banchetto
che prosegue co’ patate e cor capretto
ch’appena ieri belava, er poveretto,
e mo’ c’ha ‘n bocca rosmarino e ajetto.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati