La Raggi come la Biagiotti

pasquinata
Anche la Raggi finisce nelle nostre pasquinate

Le tre Emme de Roma se chiamano
Mafia Capitale, Politica de Mmerda
e Monnezza : è così che se fa ‘r grano
chiunque ar Campidojo vinca o perda.

Nissuno è innocente, tutti c’hanno
messo der proprio a fare danno:
nun veniteme a riccontà ‘a barzelletta
der Sindaco che girava ‘n bicicletta.

Poi annava a parcheggià er macinino
de nascosto ner posteggio più vicino:
er popolo, se sà. gioca a nascondino
co ‘a verità, poretto è ‘n pò cretino.

Adesso arriva st’artra e dice “basta!,
ce penzo io a cambià ‘e mani ‘n pasta:
alla puzza da ‘sto momento ‘n quà
je damo er nome Profumo de Città”.

Eppoi er marchio de Roma ce sta già
sul mercato in una linea de bellezza:
mentre ‘a Biagiotti s’ispira all’eternità,
‘a Raggi ce mette dentro ‘a monnezza.

Ahò, stamo messi proprio bene, stamo!
Ditece ‘na vorta bona ‘ndove ‘a buttamo
‘a spazzatura che noantri produciamo,
sinnò cor cazzo che ancora ve votamo.

Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati