In morte di Licio Gelli

pasquinata
Enrico Bernard e la sua pasquinata su Licio Gelli

Posso dì sinceramente
che de ‘sto vecchiaccio
nun me frega gnente,
se lo prenda ‘n diavolaccio
e pace all’animaccia sua.

Fu Maestro nell’Italia buia,
quella che ancora oggi spera
ner ritornello de’ Faccetta Nera,
come s’io pensassi che Nerone
possa dacce quarche soluzione.

Io sò solo che ner suo villone
hanno trovato l’oro della Patria
che s’è magnato er fascistone
co’ du’ ganasce peggio de ‘na nutria
che nun molla mai ‘n boccone.

Laggiù l’aspetta ‘n satanasso,
hai finito de fa ‘r gradasso,
mo’ te se cucina lui per benino
co’ ‘a ricetta all’olio de’ ricino,
dai pori te fa uscì er grasso.

Morale della favola: io me stappo
‘na bottija de sciampagna e bevo
a sorella Morte che co’ ‘sto strappo
ce arreca ‘n pochetto de sollievo,
speramo nun aricicci quarche allievo.

Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati