LibertatesPasquinate – Er discorsetto de Mattarella

pasqunata

Caro er mio Presidente Mattarella
co’ r tuo discorsetto de Capodanno
io me ce sollazzo pe’ l’intero anno:
hai detto che l’Italia è tanto bella,
e su questo tutti semo d’accordo…
vabbè chi de più e chi de meno…
ma permettimi se io te lo ricordo
ch’er popolo nun è talmente scemo
da nun capì ch’ogni volta ce risemo:
a fine anno lo trattate come ‘n tordo.

Caro er mio Presidente Mattarella,
su molte cose so’ anch’io d’accordo?
Ma la gente è rimasta sempre quella,
pronta a sgozzasse pe’ ‘na zolla
de tera o pe’ ‘n pezzo de tiella,
pe’ du’ lenticchie o ‘na cipolla.
Gli italiani sono come ‘na bolla
piena de pus sotto all’ascella
che puzza de corruzione da lontano
anche se tu je improfumi l’ano.

Caro Presidè, nun fa come la Befana
che cià er carbone dolce ne ‘a sottana:
l’italiana è razza ben feroce e strana,
dijelo ‘n faccia ch’a politica nostrana
è più zoccola de na gran fija de puttana.
Nun te preccupà, nisuno se spaventa,
tanto ce lo sanno tutti come s’alimenta:
co’ li sordi nostri che chiamate tasse
ma che so’ solo li balzelli che ‘na classe
più privilegiata arraffa a mani basse.

Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati