Historia magistra vitae

Data:

angelo_1

Nel Settecento uno dei momenti più animati della vita politica era l’ammissione di nuovi membri a corte.
Nella Francia di Luigi XIV il Re Sole circondato dai suoi consiglieri più fidati e dalla favorita di turno decideva chi dovesse essere ammesso a Corte e a che livello. Era il momento decisivo per la vita di tanti nobili: dall’ammissione a Corte dipendevano onori e gloria, ricchezza, status sociale, garanzie di impunità e immunità non solo per sé, ma anche per famiglia, casato, servitù, per tutti coloro insomma che gravitavano attorno a lui.
Ovviamente il Terzo Stato non aveva alcun diritto, né alcuna voce in capitolo: al massimo poteva commentare in maniera più o meno salace…

Sono passati da allora quasi tre secoli e tutto è cambiato: siamo diventati una Nazione indipendente, una democrazia compiuta, tutti sono cittadini uguali di fronte alla legge, tutti hanno diritto di voto…
ma una cosa è rimasta: lo spettacolo (inverecondo) della presentazione delle liste dei candidati ricorda da vicino la Corte di Re Sole: il capo del partito, attorniato dai sui fidi e consigliato dai sondaggista di turno (la Madame Pompadour di oggi) decide insindacabilmente chi può candidarsi, dove e come: da questa decisione dipende la sorte del politico: un seggio “sicuro” significa onori, prebende, ricchezze e (talvolta) l’immunità parlamentare. Esserne escluso significa cadere nella polvere: tornare ad essere un uomo qualunque, un cittadino come gli altri.
Anche in questo caso il Terzo Stato (oggi i cittadini) può solo commentare le decisioni

Se vogliamo diventare uno stato veramente democratico in cui i cittadini sono tali e non sudditi silenti e obbedienti occorre che esista la possibilità per tutti di scegliere i propri candidati.
Sarebbe sufficiente, come da sempre sostengono i Comitati (vedi il nostro “Maledetta proporzionale”) un sistema elettorale uninominale e maggioritario con primarie obbligatorie e garantite per legge.

PS per abbattere il sistema della Corte del Re Sole fu necessaria la Rivoluzione Francese, e per noi?

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga