Evviva ‘a ministra Bellanova


Me piace a ministra Bellanova
anche se de Pasqua pare l’ova,
er diploma ciá de terza media
ché der banco ruppe ‘a sedia.

Nun s’è messa ancora a dieta,
nun ciá er fisico de ‘n’atleta,
storce er naso quarche esteta,
ma de certo è assai concreta.

A me me piace ‘sto donnone
che davanti ciá er panzone,
nun je sto a tirá ar piccione
come sui social fa er cojone.

Me so’ abbastati li capoccioni
laureatosi insino alla Bocconi,
tutta ‘na massa de’ pasticcioni
che solo a fá danni sono boni.

Er popolo pretenne dei Catoni,
ma nun li distingue dai cialtroni:
quinni mejo li brutti e li ciccioni
degl’incapaci e de li mascalzoni.

Eppoi ‘a bellezza sta ner nome:
bella e nova come a ‘na Pasqua
finalmente avemo ‘n Ministrone,
tanto pe’ dí: ‘a classe nun è acqua!

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati