Con venti milioni nun ce salvi l’Amazzonia


Sti Sette cazzoni ch’ogni fine d’anno
Se scolano du casse de sciampagno
Fanno du’ conti pe’ capí che danno
Stanno a procurá ar monno intero:
Io li chiamo buffoni, e mo’ so serio,
che ció ‘a prova che sto a dí er vero.

Senti che sti sette grandissimi soloni,
Pensa tu a che punto so’ cialtroni!,
Te stanziano ‘na ventina de mijoni
Pe’ salvá a Foresta dalle distruzioni
Provocate dagli incendi dei ladroni
Pei campi della droga dei padroni.

Facevo prim’io a rompe er dindarolo
Insieme a quello di tanti regazzini
Senza avé bisogno de sto pipparolo
D’en francese che concede du’ soldini
Facenno er gesto del braccino corto
Tanto er bosco lo da giá pe’ morto.

Caro Macrone, cari membri der Gisette:
co’ venti mijoni ce potete rifá le tette
delle vostre gentilissime consorti,
ma nun v’illudete de cancellá li torti
e li pesi che ci avete sulla coscienza:
siete voi che sur foco buttate benza.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati