Una “vera” rivoluzione del Fisco italiano

Data:


Come sempre in una campagna elettorale si parla di fiscalità: spesso a sproposito e ancor più spesso con proposte semplicemente inattuabili.
Un fatto è però incontrovertibile: il sistema fiscale italiano è quanto di più complesso, oscuro e ingiusto che ci sia in Europa.
In quella giungla che la fiscalità italiana troviamo un po’ di tutto:

  • flat tax (sui redditi di capitale, sugli autonomi che hanno reddito inferiore a 65000 euro, sugli affitti a regime calmierato ecc.
  • patrimoniale (il 2 per mille sugli investimenti [ex imposta di bollo], l’imposta di registro [per la parte che eccede i costi di gestione degli archivi], l’IMU per la parte che non riguarda il rimborso delle spese sostenute dai Comuni]
  • imposte progressive su tutti gli altri redditi
  • bonus, detrazioni varie per ogni genere di spese o di attività

insomma un vero pasticcio in base al quale non esistono cittadini che pagano le stesse tasse a fronte di uno stesso reddito.
È questo un sistema che rende, tra l’altro, più facile l’evasione e l’elusione fiscale, più costosa la riscossione e più complessi i controlli.

Perché allora non afferrare, come si dice, “il toro per le corna” e attuare una vera rivoluzione fiscale? (tra l’altro non molto diversa da quella proposta da Vanoni nel lontano 1954?)
Sarebbe sufficiente detrarre dal reddito complessivo del contribuente (da qualsivoglia fonte arrivi) le spese effettivamente sostenute e documentate (dalle fatture degli artigiani, alle note dei professionisti, dalle locazioni alle spese di rappresentanza) e delle quote fisse per le spese non giustificabili (per ogni figlio o parente a carico, per la scuola dei figli, per le spese correnti di una famiglia): in questo modo si potrebbe applicare un’imposta qualsivoglia (progressiva a scaglioni, progressiva continua, flat) uguale per ogni contribuente avente lo stesso reddito.

Ognuno paga per quello che effettivamente ha guadagnato in quell’anno: si ridurrebbe l’evasione perché ognuno avrebbe l’interesse a vedersi fatturare la prestazione (che sarebbe interamente deducibile), tutto il sistema sarebbe semplice, trasparente e soprattutto equo.
Un sogno impossibile? Forse, ma non dimentichiamo che questo è il sistema fiscale vigente a 50 km da Milano: in Svizzera.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano