Una proposta di Libertates: fuori i nomi di Cottarelli!

Data:

angelo
Una proposta semplice quanto a costo zero: permettere ai cittadini di controllare le follie dei comuni!

In questi giorni solo un quotidiano (il “Fatto quotidiano”) ha riportato un sunto parziale del rapporto presentato dal (ex) responsabile della “spending review” Carlo Cottarelli.
In questo stralcio vengono indicate le spese che i comuni italiani affrontano per avere alcuni servizi: le spese telefoniche annuali vanno da 1 euro a 3000 euro per dipendente, le spese per pulizia locali da 20 a 600 euro per metro quadro … e così via!
Si tratta di differenze assurde più che macroscopiche, indicative del caos e degli sperperi che regnano nella gestione della finanza locale.
Sono dati utilissimi per comprendere certe dinamiche ma che sono privi di un dato fondamentale: il nome dei comuni che hanno questi costi.
Perché?
Non certo per rispetto della privacy: sarebbe come non pubblicare la distinta delle spese di un condominio per salvaguardare la privacy dell’amministratore.
Forse per non ingenerare un senso di sfiducia nei cittadini? Ma cosa più del mistero e dell’opacità nei conti può suscitare sospetti e diffidenza?
Forse è solo incapacità e inefficienza della pubblica amministrazione.
Oppure implicita connivenza e la solita abitudine di considerare gli italiani sudditi da lasciare nell’ignoranza piuttosto che cittadini da informare?

Una cosa sola è certa: sarebbe un bell’esempio di quella democrazia diretta (la vera democrazia diretta da sempre chiesta da Libertates e non quella fasulla attualmente così di moda) che sola potrebbe far funzionare meglio gli enti locali.
Spetta infatti ai cittadini sapere come vengono spesi i loro soldi per poter meglio valutare e giudicare i propri rappresentanti e agli amministratori locali giustificare e spiegare certe differenze (che non necessariamente sono risultato di inefficienza o malversazioni, ma spesso di situazioni contingenti).
Infatti alla base di ogni vera democrazia ci devono essere conoscenza e trasparenza: sarebbe un’operazione a costo zero che porterebbe vantaggi a tutti: ai cittadini che potrebbero controllare, agli amministratori che non sarebbero bersaglio di sospetti più o meno fondati, allo Stato che risparmierebbe e controllerebbe le spese dei Comuni senza ricorre a Corte dei Conti o altro.
Perché allora nessuno lo chiede?

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga