Sardegna: burocrazia a go go!

Data:


Ai vecchi tempi dell’Italia centralista e statalista in Sardegna esistevano quelle tre provincie storiche che tutti noi conoscevamo fin dai tempi della scuola: Cagliari, Sassari e Nuoro.
Poi è arrivata Oristano, e ai primi del nuovo secolo altre quattro: Carbonia-Iglesias, Medio Campidano, Ogliastra e Olbia-Tempio.
Tutte spazzate via, o per lo meno accorpate, con la riforma seguita al referendum di abolizione delle provincie, passato in Sardegna con il 97% dei Sì.
Ebbene cosa fa ora la regione Sardegna? Le fa rinascere tutte e otto con l’aggiunta che tre di loro hanno addirittura due capoluoghi di provincia: tra loro (nella provincia dell’Ogliastra) c’è anche Lanusei con 5283 abitanti.
Un’autentica pioggia di presidenti, consiglieri, funzionari e chi più ne ha ne metta!
Una pioggia che si aggiunge all’abnorme aumento degli organici e dei relativi costi degli staff di presidenza e giunta. Basti come esempio lo stipendio del Segretario Generale che riceve 285600 euro all’anno: 46600 in più dello stipendio del Capo dello Stato!
Un esempio di lottizzazione degli incarichi, di spese improduttive di sprechi utili solo a garantire voti e prebende agli amici degli amici.
Altro che “debito cattivo”, è questo un esempio lampante di come una certa politica intende utilizzare i fondi concessi all’Italia per un vero rinnovamento…

Che dire? Data per scontata l’impossibilità storica di un ritorno allo Stato centralista che tutto decide e tutto controlla, l’unica risposta è quella di un vero federalismo.
Non il federalismo “all’italiana”: quello che moltiplica i centri si spesa, che vive nell’ottica del “io spendo, gli altri ci penseranno a ripianare le perdite”, ma un vero federalismo che ha il suo perno nel federalismo fiscale.
Perché è perfettamente lecito che i sardi possano decidere autonomamente quante provincie ritenere necessarie, quali compensi dare ai loro funzionari, ma è altrettanto necessario che sia loro chiaro che le risorse impiegate in questo modo non saranno poi disponibili per costruire strade o gestire ospedali…
Perché una cosa (più che doverosa) è l’aiuto che le regioni più favorite devono dare alle più svantaggiate, una cosa è contribuire a piè di lista agli sprechi e alle spese improduttive e clientelari

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga