Renzi e la “buona scuola”

Data:

angelo scuola
Alcune considerazioni a margine delle osservazioni sulle riforme incomplete di Renzi: le necessità della scuola

Per quanto riguarda la riforma della scuola riteniamo che essa debba essere uno degli elementi fondamentali di quella politica di riforme tanto necessaria per l’Italia.
Questo perché:

  • una scuola efficiente è l’asse portante di una nazione moderna
  • non è ammissibile che un insegnante abbia uno stipendio medio di 29.000 euro l’anno di fronte ad uno stipendio medi odi un magistrato di 150.000 euro-anno
  • nel corpo insegnante vi siano discriminazioni macroscopiche tra chi è di ruolo (ed ha un posto garantito comunque) e chi è precario (senza alcuna sicurezza di riottenere un incarico) anche da decenni.

Pertanto riteniamo fondamentali alcune linee-guida che dovrebbe essere recepite da una vera riforma del sistema scolastico:

  • adozione del buono-scuola che permette alle famiglie di scegliere la scuola più adatta ai propri figli senza essere condizionata dal proprio reddito e alle scuole di avere fondi in funzione del proprio rendimento
  • introduzione del principio di merito: come in ogni altra realtà dovrebbe far carriera chi è più bravo e chi si impegna maggiormente, altrimenti la burocratizzazione e la sclerotizzazione è sicura
  • adozione del principio di mobilità: come il responsabile della scuola deve poter scegliere i propri collaboratori, così gli insegnanti devono poter trovare una scuola più adatta a loro (spesso infatti non è detto che debba essere il caso o il criterio burocratico a far funzionare una scuola che è come una squadra: funziona se tutti sono d’accordo e se concordano con le scelte di fondo), rispettando ovviamente le competenze di ognuno: un insegnante di matematica non può insegnare inglese se non ha competenze certificate. Non basta un corso online per insegnare inglese alle elementari
  • considerare gli insegnanti alla stessa stregua di professionisti: con qualifiche, carriere e stipendi adeguati al proprio lavoro (ad esempio i medici)
  • garantire un livello adeguato di conoscenza per tutti gli studenti attraverso la reintroduzione dell’esame di Stato: una commissione di professori esterni all’istituto valuta la preparazione degli studenti in base a criteri il più possibile omogenei (unico sistema per controllare i cosiddetti “diplomifici” che vivono sugli esami “facili”)
  • applicare anche in questo campo il principio d sussidiarietà: devolvere una parte del buono scuola all’aiuto e all’appoggio degli istituti più disagiati per consentirne la necessaria riqualificazione.

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga