Recensione di Ernesto Paolozzi sul libro “Il vivente originario”

Data:

Copia di brescia

“Per Albatros una recensione di Ernesto Paolozzi, professore all’Università sant’Orsola Benincasa di Napoli e grande studioso di Croce, del libro “Il vivente originario” di Giuseppe Brescia edito da Bibliotheca Albatros”.


Il vivente originario, volume complesso e originale Giuseppe Brescia, rappresenta un’altra tappa importante del viaggio che lo studioso ha intrapreso giovanissimo nell’intricato labirinto della vita, della sua origine intesa, naturalmente, nel senso filosofico e di una filosofia non puramente metafisica ma storica e ideale assieme.
Tornano riflessioni già meditate e compaiono nuove intuizioni accompagnate da esegesi di autori da sempre ritenuti da Brescia fondamentali punti di riferimento, classici antichi e moderni come Kant, Hegel, Schelling, Croce ed altri “ minori” ma non meno rilevanti nella prospettiva dello studioso : Rosario Assunto, Carlo Ludovico Ragghianti, Carlo Antoni, Raffaello Franchini.
La lettura della filosofia Schellinghiana si presenta particolarmente interessante e innovativa messa in relazione alla contemporanea e ancora poco compresa epistemologia. Scrive Brescia :” La physis di Schelling, e dell’età che fu sua, non è di certo identica alla physis della epistemologia contemporanea. Difatti, la physis di Schelling forma una risposta critica alla fisica dell’età cartesiana e del meccanicismo, svolta in termini finalistici e organicistici, costruitai in aderenza all’elettromagnetismo, al chimismo e all’organicismo delle dottrine a lui contemporanee. La fisica a noi contemporanea è costruita sulle basi della teoria della relatività, del dualismo onde-particelle, del principio di indeterminazione di Heisenberg e del paradosso Einstein Podolskj Rosen con relativo dibattito. Pure, le premesse all’evoluzione della fisica moderna e contemporanea si ravvisano nell’appello al “dare ali alla fisica”, che pone le basi per lo sganciamento della filosofia della natura dall’impronta causalistica e meccanicistica che precedeva quella svolta.”

Dare ali alla fisica significa, in questa prospettiva, ricomporre la dicotomia scienza- filosofia nel senso autentico dell’originario vivente, dell’uomo autentico che è sempre uomo intero, universale e concreto. Individuo certamente ma sempre immerso nella storia, parte e tutto nelle sue relazioni .
Così tornano in gioco concetti e questioni superficialmente e banalmente accantonate come quelle della finalità della natura o della bellezza come strumento ermeneutico decisivo per la comprensione del vivente in tutta la sua originaria complessità. E accanto ad essi il tema da sempre centrale nel pensiero di Giuseppe Brescia del vitale inteso ed esperito in senso crociano, come elemento ineludibile per la comprensione della “ realtà”, del rapporto pensiero azione.
Scrive Brescia : “ La concezione dell’arte schellinghiana non è certo identica rispetto all’altra dell’estetica moderna e contemporanea, dal momento che l’idealismo estetico o la filosofia estetica, vista come “filosofia dello Spirito” non è da tutti i versanti ermeneutici o estetici condivisa. Pure, come fiume carsico, i suoi concetti dell’assoluto e della filosofia dell’identità sono parlanti nelle dottrine estetiche di Croce, Assunto, Ragghianti, Fiedler (per tacer d’altri): oltre ad avere influito sul Romanticismo europeo e le poetiche del sublime.”
Le riflessioni di Giuseppe Brescia, dunque, ci conducono lungo un percorso originale, un sorta di viaggio filosofico attorno al vivente originario , inizio e fine, perpetuo inizio e perpetua fine, della dimensione umana. Nel capitolo, Paradigmi teleologici in epistemologia e filosofia della natura, è chiarito fino in fondo il nesso inscindibile che caratterizza la moderna filosofia la quale prova a tenere insieme la storia e la natura come espressioni, rappresentazioni di un’unica realtà :l’originario vivente.
In tempi in cui ancora qualcuno prova, forse solo a scopi pubblicitari, a riproporre improbabili ritorni al “realismo”, l’opera di Brescia svolge anche una fondamentale funzione pedagogica e polemica.

Ernesto Paolozzi

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano