Pasquinata di si Roma piagne, Milano nun ride

Come se dice a Roma, er più pulito
cià la rogna, è ‘n proverbio antico
ma nun je se pò proprio dare torto:
la colpa è nostra ssi va tutto storto
e st’Italia fa sorge solo lo sconforto.

Guarda un po’ quanti criminali,
ladri de polli e de galline, stanno
a fà ‘a fila p’entrà come li maiali
ar gabbio a scontà quarch’anno
de pena pe’ nun fa artro danno.

E fanno a gomitate per un posto
nelle galere patrie, che so’ piene
de truffatori dai denti come iene
che gl’interessi loro han anteposto
a ciò che chiamase: comune bene.

‘Sto cazzo de sistema è ‘n’imbrojo
‘na truffa, ‘na rapina ar portafojo
der Romano che nun senza orgojo
ha mannato ‘a Raggi ar Campidojo
e s’è aritrovato fatto scemo e spojo.

E c’è rimasto male com’er Milanese
c’ha sgamato che finte eran le spese
con cui la città voleva fasse bella
ma quarcuno s’è magnava ‘a ciambella
sotto all’occhi de chi era de sentinella.

Volemo parlà pure de st’altro caso
dell’expò, lassù a Milano, che già
puzzava come ‘n gatto morto ar naso,
oppure avemo capito e lassamo sta,
tanto cacamo tutti nello stesso vaso?

Er titolo de sta musica è “Andazzo
italiano”: nun stupisca ‘a rima in ‘azzo
ché peggio sarebbe combacià “italiano”

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati