Osteria numero uno (sotto er mare c’è Nettuno)


A presidente Mattaré, ma nun te sembra
Er caso de dì ‘na parolina, fa solo ‘n gesto,
Profferì quarcosa pe’ falli smette co’ questo
Tormento che ce sta a scassà le membra?

In parlamento se sente ‘n coro di “io protesto
Contesto e manifesto”, ma nissuno ha ‘n’ombra
De ‘n’idea che sia una, ch’abbia mente sgombra
De seconni fini, e soprattutto che sia onesto.

Toccherebbe a te, presidé, mettell a cuccia,
Zittilli, faje cresce ar culo ‘n po’ de buccia,
‘Nvece d’arzà la voce pe’ scassacce li cojoni
Co’ la storiella che vonno ritornà all’elezioni.

Tanto poi se sa che nun vince mai nissuno,
Tutti dicheno che devè governà soltanto uno
Ma magneno ‘nsieme manco fossero a diggiuno
Usando pe’ forchetta er tridente de Nettuno.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati