Non si toglie un bambino a una madre condannata

Data:

battaglia
La sentenza che ha tolto il figlio appena nato alla madre: in una situazione così complessa non sarebbe stato meglio essere meno drastici e meno sicuri?

Infine è nato il ‘figlio della colpa’…La decisione del Tribunale dei Minori di togliere a Martina Levato, colpevole di un gravissimo crimine, il figlio appena nato non può non sollevare una serie di dubbi. Sappiamo che il bambino è stato separato dalla madre che non gli ha potuto dare neppure la prima poppata.. Una decisione indubbiamente severa, presa, si afferma, nel superiore interesse del minore che dovrebbe essere protetto da una madre che ha subito una pesante condanna in primo grado. Si possono certo comprendere le motivazioni che hanno spinto il Tribunale a pronunciarsi come ha fatto, sennonché il concetto stesso di interesse, lungi dall’essere univoco, si presta a una pluralità di interpretazioni tra cui, ad esempio, anche la soddisfazione dei bisogni primari (cibo, calore, cura, tenerezze). La sentenza, per quanto comprensibile nelle sue motivazioni, appare per taluni aspetti sorprendente per il suo guardare con estrema sicurezza, per così dire, solo al futuro, dimenticando il momento presente, un momento di estrema delicatezza e complessità :quello di una relazione tra madre e figlio che, dopo nove mesi di assoluta simbiosi, viene spezzata repentinamente come se la madre fosse morta…
E’, in effetti, una sentenza di morte civile che viene dichiarata con questa separazione. Ma quale giudice può decidere di far morire? Si ha un bel parlare del significato non afflittivo della pena e delle speranze di riabilitazione che mai dovrebbero essere negate, anche al criminale più incallito. Chi può escludere che la relazione col figlio possa diventare, per questa donna, un’occasione di riscatto? E, d’altra parte, non è forse nell’interesse del neonato quello di non essere bruscamente sottratto a chi gli ha dato la vita? E’ proprio la straordinaria complessità della situazione che si è venuta creando che avrebbe dovuto suggerire prudenza e più lunghi tempi di riflessione anziché decisioni così drastiche e assolute.
L’evento nascita racchiude in sé un significato profondo giacché contiene un elemento di speranza e di apertura al nuovo e, come ci ricorda Hannah Arendt, rappresenta sempre un nuovo inizio. L’interazione tra madre e figlio mette in moto meccanismi di riconoscimento biologici e affettivi che, nella nostra come nelle altre specie, agiscono in modi sotterranei e misteriosi. Perché allora dovremmo spezzare tale interazione, perché impedirle di svilupparsi ? Certo, la cautela s’impone e il bimbo dev’essere protetto da ogni possibile pericolo o gesto inconsulto, ciò che dev’essere garantito mediante un’attenta opera di assistenza e un servizio di sorveglianza costantemente attivati, come previsto dalle legge nel caso delle madri detenute. Ma, ancora una volta, la vigilanza non dovrebbe implicare la separazione, tanto meno la fine di un rapporto fondamentale. Perché non dare a queste due creature la possibilità di conoscersi e, possibilmente, di amarsi?

Luisella Battaglia
(da Il Secolo XIX)

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano