Negozi chiusi la domenica: uno Stato giacobino

Data:


Compito dello Stato dovrebbe essere quello di fornire servizi e far funzionare al meglio la comunità: non decidere cosa debbono fare o non fare i cittadini

Con la prevista (o meglio auspicata da parte dei 5Stelle) chiusura festiva dei negozi tornano gli accenni allo stato etico: lo stato cioè che invece di curarsi di fornire ai propri cittadini i migliori servizi possibili si preoccupa di decidere cosa sia bene e cosa sia male, che cosa debbano fare o non fare i propri cittadini, considerati più come sudditi incapaci che come cittadini consci dei propri diritti e doveri.
Si tratta di una caso del tutto marginale, ma comunque significativo. Infatti imporre orari rigidi (pratica quasi del tutto abbandonata in Europa) non porta vantaggi a nessuno:

  • non agli imprenditori che dovrebbero poter decidere autonomamente in base ai propri programmi e alle esigenze dei propri clienti; perché, ad esempio, una libreria del centro deve essere chiusa la domenica quando molti clienti hanno tempo libero e desiderio di fare quattro passi in centro?
  • Non ai clienti che dovrebbero poter decidere in base ai propri orari ed esigenze quando fare la spesa; perché, per esempio, non posso fare la spesa di domenica quando sono libero?
  • Non ai dipendenti stessi che devono poter scegliere liberamente i propri orari: perché un dipendente non deve poter lavorare di domenica guadagnando di più, avendo maggior recupero negli altri giorni?

In verità quello che un vero stato liberale dovrebbe fare sarebbe quello di garantire ai lavoratori un salario dignitoso, orari e permessi certi, garanzie contro qualsiasi tipo di sfruttamento attraverso regole, leggi, controlli chiari ed efficienti.
Altrimenti si prendono provvedimenti nominalmente a favore dei lavoratori e delle loro famiglie (ma non si capisce perché tanti settori, dai tranvieri agli steward degli stadi possano lavorare comunque di domenica) ma in pratica sono un favore alle lobby dei commercianti che, incapaci di organizzarsi e di consorziarsi, vorrebbero tornare alle gilde medievali e alle aziende di ecommerce (quelle si che sfruttano spesso i dipendenti!).

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano