Magistrati in politica: basta con la confusione dei poteri

Data:

Si è parlato per anni del “conflitto d’interessi”, orrendo male italiano che riguarda esclusivamente Silvio Berlusconi, colpevole di usare le sue tv per farsi auto-propaganda. Indiscutibilmente, a ragione. Ma, com’è come non è, nessuno parla invece di un altro conflitto istituzionalmente ancora più grave: la confusione dei poteri. Che si realizza quando un magistrato si mette tranquillamente in aspettativa (come in questi giorni l’ex procuratore aggiunto di Palermo, Antonio Ingroia, che dovrebbe candidarsi addirittura a Palazzo Chigi per la lista Arancione). Ma scusate, negli Stati democratici i tre poteri (legislativo, esecutivo e giudiziario) non dovrebbero essere rigorosamente separati? E dov’è la separazione, quando il parlamento pullula di magistrati in aspettativa o a riposo (un certo Di Pietro, ad esempio, un certo Violante eccetera?). Se questo non è conflitto di poteri, allora cos’è?
Nel frattempo arriva, bello come il sole, il vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Michele Vietti, con questa splendida proposta: siano i partiti a smettere di candidare i magistrati. Come se non fossero loro a proporsi, mettendo a frutto la visibilità e il potere loro concessi dalla carica giudiziaria! Sarebbe comico, se non fosse drammaticamente pericoloso, assistere allo spettacolo di personaggi che recitano due o tre parti in commedia: prima smettono la toga (vedi Di Pietro) e poi indossano i panni del capopartito, quindi magari quello del ministro, e alla fine, se proprio non hanno il successo che speravano o cambia il vento… possono sempre tornare a fare i magistrati. E’ il giro turistico dei tre poteri, con annesse carriere: uno schiaffo al sistema teorizzato da Montesquieu.
Dunque? Dunque, bisogna impedire ai magistrati di scavallare da un potere all’altro, stabilendo che debbano passare almeno cinque anni fra l’uscita dall’ordine giudiziario e la candidatura politica. Questo chiedono i Comitati per le Libertà: eliminazione, oltre che del “conflitto di interessi”, anche della “confusione dei poteri”. E se poi qualcuno nutrisse ancora qualche dubbio sul “partito dei giudici”, vada a leggersi il bel libro di Fabio Florindi, “Il terzo strapotere” (della nostra Bibliotheca Albatros).

Gaston Beuk

wp_user_avatar
Gaston Beuk
Gaston Beuk è lo pseudonimo di un noto giornalista e scrittore dalmata. Si definisce liberale in economia, conservatore nei valori, riformista nel metodo, democratico nei rapporti fra cittadino e politica, federalista nella concezione dello Stato e libertario dal punto di vista dei diritti individuali.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga