L’etica del migrante

pasquinata
Tornano le pasquinate e il tema di oggi sono i migranti

Ce semo: er migrante è ‘n bon’affare,
ce famo li sordi sulla sua stessa fame:
mentre prima li spignevamo fora
e de respingerli nun vedevamo l’ora
mo’ famo a cazzotti co ‘a Cancelliera
pe’ spartissene tutta sta bella schiera.

Nisuno pensa che se la gente chiede aiuto
è pecchè nun riesce a campà ar su’ paese,
‘ndo’ i frutti sui rami so’ le persone appese,
artrimente, se ce stava bene e sur velluto
nun avrebbe sperato nel nostro benvenuto
che, poraccio, solo dai Tedeschi ha ricevuto.

Prima o poi faremo marcia indietro, ma solo
se er migrante è na specie de Re Magio
co’ ‘a saccoccia piena: allora sì che ar volo
ce lo pijeremmo e je daremo pure ‘n bacio:
je faremo ‘a festa quanno approda ar molo…
tanto nun sa l’Italiano quant’è mariuolo.

D’artra parte pure quella grande paracula
de ‘na tedescona ha capito l’antifona;
e dovenno fà quarcosa, fà come Dracula
che mette in moto canini e mandibola
quanno vede che c’è sangue da succhià
e nun je conviene più de tanto dare l’altolà.

Così ‘sti pori Cristi diventeno sfruttati:
per ora se ne stanno pe’ tera stravaccati,
poi saranno per benino addottrinati
all’etica capitalista che ce semo sciroppati,
perderanno le radici e verranno massificati,
se faranno er culo pe’ mantenè noi pensionati.

Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati