L’assalto delle quote rosa, nuovo corporativismo anti-liberale

Data:

Una nuova ideologia anti-liberale sta attraversando l’Europa: un sottoprodotto del “politicamente corretto” chiamato “quote rosa”. Di che si tratti, più o meno si sa: l’imposizione per legge di posti riservati alle donne, dovunque capiti. Ma per comprendere meglio è opportuno fare un po’ di cronistoria.
All’inizio si era distinta la Norvegia, favorita dal fatto che i proventi del petrolio dal mare del Nord consentono le più svariate sperimentazioni dirigistiche e stataliste all’insegna dell’uguaglianza ideologica. E’ seguito lo pseudo-liberale governo Beslusconi, approvando una legge che prevede l’obbligo di assegnare un terzo di posti alle donne (indipendentemente dai titoli di merito) nei consigli d’amministrazione di società pubbliche. Poi ci si è messo il parlamento europeo, che per iniziativa della commissaria alla giustizia Viviane Reding voleva imporre il 40 per cento di posti “rosa” in tutta l’Unione e in tutte le società quotate in Borsa (ma qui è stata stoppata dall’opposizione del Regno Unito e della Germania). Ultimo esempio: il tentativo di fermare la nomina del lussemburghese Yves Mersch al consiglio direttivo della Bce, non perché non abbia le carte professionali in regola, ma perché appartenente al genere maschile.
Potrebbe sembrare puro folclore, ma non è così: l’ideologia delle quote rosa, dietro l’apparenza utopistica e iper-democratica, nasconde una mentalità di fondo autoritaria (il corporativismo fascista che assegnava appunto quote di rappresentanza alla categorie al di fuori di una selezione di merito o per effetto di un voto); giacobina (l’Uguaglianza astratta, da imporre dall’alto a prescindere dalle differenze sociali, qualsiasi esse siano); socialista e dirigista (i rapporti economici e sociali spontanei devono essere guidati in vista di un obiettivo superiore); lobbista (l’affermazione di cordate di potere più o meno occulte); lottizzatore (sulla scia delle quote di genere ne potrebbero seguire altre basate sull’età, la preferenza sessuale, l’appartenenza etnica, la religione eccetera).
Ma il vero motore non dichiarato di tutte queste operazioni è l’avversione per la società aperta, per la libera competizione, per il liberalismo in quanto tale. Per questo non soltanto i Comitati per le Libertà, ma chiunque senta di appartenere a una cultura libera deve far sentire la sua voce per fermare il nuovo corporativismo, rosa o grigio o verde e nero che sia.
Gaston Beuk

wp_user_avatar
Gaston Beuk
Gaston Beuk è lo pseudonimo di un noto giornalista e scrittore dalmata. Si definisce liberale in economia, conservatore nei valori, riformista nel metodo, democratico nei rapporti fra cittadino e politica, federalista nella concezione dello Stato e libertario dal punto di vista dei diritti individuali.

1 commento

  1. Sono più che d’accordo. Con questo sciocco criterio, puramente quantitativo, si dovrebbe impedire che in certe professioni (Es. l’insegnamento) le donne non dovessero essere più del 50%. Invece sono la stragrande maggioranza, ed è giusto così, perché è un lavoro part-time ,non molto remunerato, che consente però tempo libero per allevare i figli.
    DEUS DEMENTAT QUOS VULT PERDERE,dicevano i Romani.Dio rincretinisce coloro che vuole abbandonare. Adesso in Europa e in Italia siamo arrivati ad un alto livello di stupidità, che origina ovviamente soltanto decadenza. E certi diktat assurdi ci fanno somigliare sempre più a una Repubblica dei Soviet.
    Non mi sento libero e spero di emigrare presto in un altro continente . Grazie per l’attenzione. Angelo Tondini-giornalista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga