Il caso Ingroia e le “regole” all’italiana

Data:

angelo
Il caso Ingroia è indicativo di un certo modo di gestire le regole “all’italiana”

A parte il caso particolare:
appena trasferito ad Aosta si mette in ferie (lampante esempio di dedizione al dovere);
appena rientrato nei ranghi della magistratura partecipa a cortei e manifestazioni politiche (alla faccia dell’apoliticità richiesta ai giudici)

appare evidente come la mancanza di una regolamentazione chiara dei rapporti tra magistratura e attività politica generi necessariamente abusi, comportamenti obliqui, strumentalizzazioni di ogni genere che non possono che ulteriormente deprimere la fiducia (già scarsa) che gli italiani hanno verso le istituzioni.

I Comitati sono favorevoli (vedi il nostro “Terzo strapotere“) ad alcune regole semplici, di buon senso, facilmente attuabili che risolverebbero in gran parte il problema:

  • divieto per i magistrati a presentarsi candidati nelle circoscrizioni in cui hanno esercitato (per evitare il sospetto che la loro attività fosse indirizzata ad ottenere un certo qual credito politico)
  • divieto per un magistrato ad esercitare nel collegio ove si è candidato (per i motivi opposti a quelli summenzionati)
  • obbligo per un magistrato di dimettersi una volta eletto (per evitare il fenomeno dilagante dell’”aspettativa”)
  • divieto di presentarsi candidato in più collegi (divieto valido per chiunque)

Ma, come ben possiamo vedere ogni giorno, il problema fondamentale è che ogni riforma, anche la più piccola, la più logica, viene affossata e respinta perché potrebbe mettere in discussione i privilegi di quelle caste e corporazioni che dominano e soffocano l’Italia.

Angelo Gazzaniga

Articolo precedente
Articolo successivo
wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

1 commento

  1. Un’altra regola fondamentale da aggiungere sarebbe quella di un determinato periodo sabbatico ( 2-3 anni) dalla data delle dimissioni a quella di entrare in politica. Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano