I voti “legali”


Messa ai voti ‘na decisione
Un condomino s’arzó pe’ dí:
nun vale, è ‘na prevaricazione,
voi siete de piú a votá er sí.

Mica è democratico fá cosí,
siete ‘n troppi ad esse d’accordo,
me volete costrigne ar signorsí
anche se io so’ ‘n disaccordo.

Tuttinsieme se semo messi a ride
Pe’ la cazzata sparata dar balordo
Che minacció: io nun demordo,
Nun me faccio pijá pe’ ‘n tordo.

Volea costui fa causa ar monno
Intero: ve porto in tribbunale
Poi vedemo chi come ‘n tonno
Cacherá er sangue ner pitale.

Trovó pure ‘na specie de legale
Che convinse er matto da legare
D’avécce raggione a protestare,
Pecché vince chi sa piú strillare.

Davanti ar giudice sostenne
Che nun je se po’ votare contro,
che l’elezione ha ‘n riscontro
solo se pe’ lui s’usano le penne.

Come ar solito ‘a storia se ripete,
c’è sta sempre qualche stronzo
che ciá ‘a faccia com’ er bronzo:
ma poi se fa da solo l’autorete.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati