I micropartiti dei nanetti

Data:


Il nostro paese è come un mosaico, con le tessere messe a caso, che non rappresenta nulla. Non ci sono ideali, senso della comunità, valori condivisi, consapevolezza che, in determinate situazioni, ci vuole una volontà comune per affrontare problemi che riguardano tutti.
E’ soprattutto colpa della mediocre classe politica, ma dà anche il suo contributo, grazie alla storia di secoli, la diffidenza verso chi comanda ora rappresentato da una istituzione comune che si chiama stato, diffidenza siglata da tempo con il « piove, governo ladro ».
La comunanza di intenti, gli ideali di un popolo nascono anche da chi lo guida. Li aveva ottenuti il primo fascismo e i grandi capi di partito dei dopoguerra quando le convinzioni dei cittadini venivano vissute anche con passione. Poi tutto si è slabbrato, ne hanno la responsabilità i nanetti della politica che galleggiano sulla società, nanetti che non hanno alcuna consapevolezza del fatto che sarebbe loro responsabilità anche migliorare la convivvenza ed ispirare valori comuni positivi con comportamenti e parole. Un leader carismatico sarebbe utile anche in vicende minori, ma utili al paese perchè, un esempio tra i tanti possibili, se chiedesse agli Italiani di rispamiare energia sarebbe certamente segunito.
E’ vero che sono i cittadini ad averli eletti, ma con le leggi elettorali, passate e recenti, i cittadini hanno un potere limitato nello scegliere i loro rappresentanti perchè quelle leggi sono state volute piu’ per dare potere a partiti e loro rappresentanti che per migliorare il paese e la sua politica.
Le discussioni sulle leggi elettorali vigenti e proposte, che nel tempo hanno prodotto miliardi di parole, sono, quanto a utilità per il paese, una tragica pagliacciata perchè i proponenti di ipotesi varie pensavano e pensano non al bene del paese, ma al loro tornaconto politico.
Ci vorrebbe un leader con la statura di quelli del dopoguerra per migliorare la situazione, ma non se ne vedono. Alcuni che parevano avere potenzialmente la stoffa per divenirlo, si sono fatti assorbire dal gorgo dei traffici politici e si sono dimostrati incapaci di differenziarsi. Ma volendo sottolineare la propria, teorica, diversità hanno seguito l’andazzo, non nuovo, di crearsi il proprio partitino gestito come un’aziendina privata che, anche con ricattini tipo ti voto questo o quello se tu mi dai XY, puo’ dare qualche mediocre risultato politico che serve non al paese, ma solo al titolare della bottega.
Non resta che citare il superclassico detto latino : spes ultima dea.

di Ettore Falconieri

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano