Gli otto punti dei progrmmi: Bersani fumoso, Berlusconi generico (ma almeno parla al paese)

Data:

dario
Gli otto punti di Bersani contro gli otto di Berlusconi: quali i migliori? Vediamo un po’.

Sul primo vince facile Berlusconi: meglio l’abrogazione dell’Imu che una fumosa idea di correzione delle politiche Ue in tema di investimenti. Come dire: meglio un uovo oggi…

Sul secondo, preferenza per Berlusconi: il Pd vuole sanzioni più dure per reati come il falso in bilancio (che per la verità può benissimo essere perseguito, e forse meglio, con multe salate); Berlusconi vuole ridurre i poteri di Equitalia, che effettivamente un po’ vessatori lo sono.

Sul terzo, Bersani vuole investimenti a pioggia per donne ed esodati, Berlusconi detrazioni per chi assume: più concreto il cavaliere.

Sul quarto match pari: Bersani non vuole altri condoni, Berlusconi propone di ridurre i controlli burocratici sulle imprese

Sul quinto, preferenza a Bersani: più precisa la sua proposta di eliminare il finanziamento pubblico ai partiti consentendo però i contributi dei privati con detrazioni. Più generica la proposta di abolizione del Pdl.

Sul sesto, match nullo. Bersani vuole eliminare i “conflitti di interesse” per pungere Berlusconi, giochino troppo scoperto. E Berlusconi parla in modo troppo generico di “riforma fiscale”.

Sul settimo cioè le riforme istituzionali e il presidenzialismo, Bersani preferisce parlar d’altro mentre Berlusconi punta sull’elezione diretta del capo dello Stato (senza precisare quali saranno i sui poteri). Giudizio prematuro.

Sull’ottavo: Bersani si concede alle solite ovvietà sui gay e l’omofobia, con una spruzzata di buonismo pro immigrazione, mentre Berlusconi rispolvera la riforma della giustizia, la stessa di cui parla da sempre senza mai riuscire a realizzarla. Anche qui, il risultato finale sarà un probabile zero a zero.

Morale: è già qualcosa che i due maggiori partiti si degnino di parlare di programmi, sia pure in termini “shock” e propagandistici. Ma ancora una volta, pur con tutte le ovvietà del caso, Berlusconi alla fine si dimostra più efficace.

Gaston Beuk

wp_user_avatar
Gaston Beuk
Gaston Beuk è lo pseudonimo di un noto giornalista e scrittore dalmata. Si definisce liberale in economia, conservatore nei valori, riformista nel metodo, democratico nei rapporti fra cittadino e politica, federalista nella concezione dello Stato e libertario dal punto di vista dei diritti individuali.

1 commento

  1. D’accordo su tutto tranne: sul secondo punto le proposte di Bersani e Berlusconi potrebbero convivere. Sull’ottavo punto Bersani parla di un’ovvietà che però in Italia non lo è tanto: ancora non c’è una legge che disciplini le unioni tra omosessuali ad esempio! E’certamente urgentissima una riformna della Giustizia, ma ad un patto: che non abbia l’odore dell’ad personam.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga