FB nei giorni della “merla”


Quanno gela nei giorni de ‘a merla
Io me metto davanti ar camminetto
E me scorro quarche amena perla
Che posta er mio solito “amichetto”.

Ma prima me verso ‘n ber wisketto
Pe’ digerì ‘e  fregnacce che l’ometto
Senza tema de prennese ‘na sberla
Spara come er cane fà la mmerda.

Poco male ch’io tanto tempo perda
A faje entrá in quel mini-cervelletto
Quarcosa che somji ad un concetto:
Senza escremento nun cresce l’erba.

Così ce rinuncio e me do pe’ vinto,
C’è poco da fà ssi nun l’ho convinto
A stasse zitto e dì meno menzogne,
Fakebook cià piú cacca delle fogne.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati