Elusione, capitalismo e libero mercato

Data:

angelo

Negli ultimi tempi si fa un gran parlare di elusione.
L’elusione si potrebbe definire ”evasione legale”: cioè evasione (nel senso di “non pagare le tasse dovute”) che viene fatta senza violare, almeno dal punto di vista formale, alcuna legge.
Il metodo più utilizzato è quello di “esportare” gli utili in paesi a bassa tassazione usufruendo di operazioni (quasi sempre solo contabili) tra filiali o società collegate oppure creando miriadi di sociatà ad hoc.
È evidente come questa sia un’operazione alla portata solo di grandi aziende, spesso multinazionali, per cui il costo di tutte le operazioni finanziarie necessarie è solo marginale rispetto all’utile che ne ricavano.
Esempio eclatante è quello di Apple: alla fine si è calcolato che paga d’imposta circa l’1,50% degli utili!
Questo ha scatenato da una parte una serie di critiche e attacchi moralistici contro la globalizzazione, le multinazionali, l’economia di mercato; dall’altra una difesa di questi comportamenti come espressione tipica del capitalismo (il titolare di Google ha infatti affermato: “questo è il capitalismo e noi siamo fieri di essere capitalisti…”) .

Ma a ben vedere questo è uno di quegli episodi di “mercato libero” che i Comitati condannano da sempre in nome del liberalismo: infatti una cosa è il “libero mercato” guidato e gestito da regole precise che tutelino la trasparenza, la concorrenza, la libera circolazione di merci, persone e capitali; un’altra è il “mercato libero” in cui ognuno fa quello che vuole e in cui alla fine prevalgono le leggi del più forte, del più furbo e (prima o poi) del più scorretto.

È evidente come non vi possa essere concorrenza o trasparenza del mercato quando una ditta come la Apple (semplicemente sfruttando le proprie dimensioni) riesca a pagare un’imposta del 1,5% mentre una piccola o media impresa (che fa gli stessi prodotti) finisca per pagare il 50% di tasse: è una concorrenza sleale creata non dal mercato ma dai vincoli, dalle distorsioni e dall’opacità delle regole che dovrebbero regolarlo e tutelarlo.

Come correggere tutto ciò?: si potrebbe (come si inizia a fare in certi Paesi) equiparare l’elusione all’evasione: cioè considerare tutte le operazioni che non hanno nessuna valenza commerciale (cioè non apportano nessun vantaggio a chi le fa) come evasione fiscale: più facile da dirsi che da farsi.
C’è poi una considerazione ancora più importante: in un sistema economico libero e liberale sono da considerarsi lecite tutte le operazioni che non violano la legge: e l’elusione è per definizione un comportamento che non viola alcuna legge.
Ma qui si entra in un campo che da secoli ha suscitato discussioni: l’equilibrio tra “Liberté” e “Egalitè”

Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga