Cha barba a barbetta de Martina!


Pe’ dasse de sinistra ’n po’ l’arietta
Martina s’è lassato cresce ’na barbetta
e s’è fatto immortalà da la Gazzetta
der partito che sta pe’ finì ’n bolletta.

Poraccio, a me me pare ’na scimmietta
anche se prima faceva ’a marionetta:
cercava ’na rotta ’n mezzo a la maretta
in cui ’e corenti so’ unite a ’na molletta.

L’elettore t’ha affettato come ’na porchetta,
ci hai voglia de ’nfornà ’n’atra pastetta,
stai solo a fornì er coltello e ’a forchetta
a chi te se magna manco fossi ’na porpetta.

Fai ’a voce grossa e invochi ’a piazzetta,
ma semo pochi, fate che sia stretta,
dichi tu, come se bastasse ’na puzzetta
a sbaraglià er nemico sparanno a mitrajetta.

Come ’n moretto che se tira ’na pugnetta
sognannose ’e du’ zinne de ’na ragazzetta,
anche tu te sei rinchiuso dentro a ’na toletta
pecchè a politica vera te sta ’n po’ stretta.

Allora io te dedico ’sta semplice rimetta
pe’ ditte che nun è d’avorio ’a Torretta
in cui te sei baricato cor resto de ’a setta
der Giglio: spremitela via ’sta vescichetta.

Ascolta er mio cosijo, damme retta,
de rifonnà er partito nun avecce fretta:
trova prima l’ideologia e la ricetta
de sinistra e poi… tagliete ’sta barbetta.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati