Centro-destra, l’incultura della resa

Data:


quanto è distante il centro-destra attuale dalla cultura liberale!

Se la notizia è vera (ma potrebbe essere una bufala tanto è grossa), Luca Bizzarri, nuovo presidente di Palazzo Ducale, ha designato, per l’importante manifestazione genovese, La storia in piazza , due storici di chiara (e meritata) fama : Luciano Canfora e Franco Cardini. Nulla da eccepire, in linea di massima. Canfora e Cardini sono due docenti e saggisti che onorano l’Università italiana e, pertanto, non è motivo  di   scandalo  che un giovane e inesperto manager culturale di fresca nomina—attento, soprattutto, alla cultura-spettacolo e ai suoi ‘divi’– si sia rivolto proprio a loro.
Sia consentita, però, una domanda: le giunte di centro-destra, che governano Comune e Regione Liguria, non dovrebbero essere interessate alla diffusione di  quella cultura liberale, che è sempre più evanescente  nelle nostre scuole come nei media? E non avrebbero dovuto esigere che nella partita entrasse  anche  qualche studioso che fosse espressione seria (e non partigiana) di tale cultura  , preferibilmente al di sotto dei sessant’anni (si dice sempre ‘basta con la gerontocrazia!’ ma poi ci si rivolge sempre ai ‘nonni’)? Cardini è un medievista di elevata professionalità ma è un tradizionalista non conformista, con prese di posizione ‘estreme’ che non di rado piacciono alla sinistra antagonista; Canfora è un prestigioso antichista che non ha mai nascosto le sue simpatie comuniste e leniniste. Entrambi vedono nella filosofia del mercato e nel capitalismo le forze infernali intese a distruggere l’Europa. Insomma, se ne dovrà concludere che, con le giunte di centro-destra, cambiano i suonatori ma la musica è sempre la stessa?
L’episodio la dice lunga sulla lontananza planetaria  dell’area berlusconiana (e salviniana) da quel partito liberale di massa che era nella mente del Cavaliere e sull’allergia a ogni discorso culturale che,   faccia, in qualche modo, da antidoto a quella sinistra ideologica che ,soprattutto a Genova, ha imperversato da cinquant’anni. Che un imprenditore come Marco Bucci—un sindaco che, peraltro, dalle prime battute promette assai bene—sia insensibile a queste tematiche si può capire, ma che politici di lungo corso come Giovanni Toti o Edoardo Rixi (per non parlare dell’ineffabile Ilaria Cavo) non siano neppure sfiorati dall’idea che, per un liberale, governare una città o una regione significa anche sostituire un modo di far cultura aperto e pluralistico ad un altro fazioso e diseducativo, beh questo dovrebbe far riflettere. E non tanto sull’incultura della classe dirigente di centro-destra  quanto sulla capacità straordinaria delle sinistre di far diventare ‘senso comune’i loro valori, sicché anche se toccassero alla Meloni e a Fratelli d’Italia le cariche di sindaco di Genova e di governatore della Liguria, l’agenda culturale sarebbe sempre dettata da ‘Repubblica’, dal ‘Manifesto’, dal ‘Fatto quotidiano’. Cosa dire se non: chapeau?

di Dino Cofrancesco

wp_user_avatar
Dino Cofrencesco
Dino Cofrancesco è uno dei più importanti intellettuali italiani nel campo della storia delle dottrine politiche e della filosofia. E' autore di innumerevoli saggi e tra i fondatori dei Comitati per le Libertà. Allergico all'ideologia dell'impegno, agli "intellettuali militanti", ai profeti e ai salvatori del mondo, ai mistici dell'antifascismo e dell'anticomunismo, ha sempre visto nel "lavoro intellettuale" una professione come un'altra, da esercitarsi con umiltà e, nella misura del possibile, "senza prendere partito". Per questo continua, oggi più che mai, a ritenere Raymond Aron, Isaiah Berlin e Max Weber gli autori più formativi del '900; per questo, al tempo dell'Intervista sul fascismo di Renzo De Felice, si schierò, senza esitazione, dalla parte della storiografia revisionista, senza timore di venir accusato di filofascismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga