Caso Volkswagen, una vergogna europea

Data:

angelo
Due modi diversi per affrontare lo stesso problema

Tutti conosciamo ormai il “caso Volkswagen”: centraline “taroccate” per far risultare le emissioni in regola quando non lo erano affatto.
Significative sono le modalità con cui si è affrontato il problema al di qua e al di là dell’Atlantico.
In Europa (tutta indistintamente: dalla Svezia all’Italia) l’approccio e le metodologie sono tipiche di stati centralisti e burocratizzati. Per ottenere l’omologazione di un veicolo occorre presentare decine di documenti, affrontare controlli e verifiche di enti diversi, tutti rigorosamente pubblici con ritardi e sospetti (spesso fondati) di facilitazioni per i propri costruttori, poi tutto procede senza controlli…
In America (USA e Canada) l’approccio è invece rigorosamente liberale: si fanno le leggi, poi saranno enti preposti (quasi sempre privati) e consumatori a controllare che tutto sia in regola. In pratica: tu puoi comportarti come vuoi, però sappi che se sgarri la pagherai cara!

Ed è proprio quello che è successo nel “caso Volkswagen”. In Europa, dopo aver superato tutti i controlli, sono state immesse sul mercato milioni di auto irregolari: dopo la scoperta della truffa le vendite della casa tedesca sono comunque aumentate e tutte le modifiche si ridurranno ad un nuovo software e ad un’aggiunta di un piccolo tubo (dal costo di pochi euro) al motore: e vissero tutti felici e contenti!
In America, dove sono state vendute meno di un milione di auto, c’è stato un calo delle vendite di un terzo e si prospetta una multa di miliardi di dollari e la sostituzione integrale di migliaia di auto.

La domanda forse è solo retorica: quale sistema funziona meglio?

Guidoriccio da Fogliano

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga