C’arisemo co’ li divieti de Capodanno


Prima vietaron li botti a Capodanno
e pe’ l’inquinamento mo’ ce ll’hanno
puro co’ l’accensione de li caminetti:
e che? probiranno anca i broccoletti?

Sissignore, puzzano quanno cociono,
eppoi se li magnano solo i poveretti:
i ricchi s’attrippano caviale e gamberetti
e sulle sabbie d’oro dei Caraibi rotolano.

Noi nun potemo sparà li mortaretti,
ma loro i fochi a mare se li godono;
noi ce gelamo senza er riscaldamento
risparmianno per il loro godimento.

Tornano abbronzatissimi dalle ferie
pe’ dì che le cose qui se fanno serie:
l’inquinamento ce farà tutti soffocare
ma loro nun smettono de scacazzare.

Mo’ me so’ veramente rotto er cazzo,
si ‘nsisteno scenno a faje ‘r mazzo:
ahò, nun me va proprio giù st’andazzo
ch’io sto a fette e loro vanno a razzo.

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati