Artemisia e l’incendia-femmine

Data:


Chi era davvero Artemisia Gentileschi

Quadri e amori-
La grande pittrice Artemisia Gentileschi, artisticamente influenzata dai colori del Caravaggio, aveva una pessima reputazione. Nella Roma “che appartiene ai senza Dio”, la chiamavano “la colorara” e attorno a lei volteggiavano spudorate fantasie sessuali e pettegolezzi difficili a contenere, figuriamoci a smentirli. Il suo destino s’incrocia con Agostino Buonamici Tassi, tardo manierista e paesaggista eccellente. Dopo anni di sparvierato sessuale nei lupanari di Livorno, dove sposa una prostituta, torna nella corrotta città papalina (era nato nei dintorni). Conosce Orazio Gentileschi (falso padre di Artemisia, che gli fa da modella): i due si stimano e lavorano assieme. Tassi da fonte certa viene a sapere che la “colorara” o “tintora” (le donne non potevano studiare pittura) merita l’appellativo di “puttanella”. Gli dicono che “si dà a tutti”, con quelle “poppe ardite e fianchi alti”, e un modo di camminare che casualmente soffia sulla sua presunta disponibilità sessuale.  E fomenta le allusioni.
L’incontro tra la pittrice diciannovenne e l’incendia-femmine Tassi, chiamato “lo smargiasso”, è all’insegna dello stupro (di per sé non era reato: lo era solo la deflorazione). Sorpresa: Artemisia è vergine. La vicenda dei due viene magistralmente raccontata, con toni lirici (talvolta con venature troppo larghe) e stile superbo, da Pietrangelo Buttafuoco in “La notte tu mi fai impazzire” (Skira, pag. 103, 13 euro). A violenza consumata, Artemisia chiede al tracotante Agostino di sposarla. Lui fa spallucce.  Orazio lo denuncia alle autorità ecclesiastiche. I due giovani sono messi a tortura, così atroce da far saltare un alibi che forse stava in piedi. L’aggressore e Orazio tornano all’amicizia. Tassi viene condannato (anche per bigamia), tornerà dalla moglie che non ha mai smesso di far commercio di sé, e stenterà, per un’artrosi diffusa, a tenere in mano il pennello. Significativo è il memoriale pittorico di Artemisia, a partire da “Susanna e i due vecchioni”.

di Pier Mario Fasanotti

wp_user_avatar
Libertateshttps://www.libertates.com
Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga