AGRICOLTORI SI, AGRICOLTORI NO

Data:


Nella ormai complessa e ingarbugliata matassa delle proteste degli agricoltori si dovrebbero evidenziare alcuni punti fermi.
A favore:

  • è incredibile il peso della filiera della distribuzione: all’agricoltore che ha faticato, ha rischiato (perché in fondo è solo lui che rischia se il raccolto va male), ha lavorato senza possibilità di ferie o giorni festivi rimane uno scarso 20% del prezzo di vendita. E’ come se alla Fiat (pardon Stellantis) di una Panda venduta a 15000 euro ne andassero più o meno 3000.
    Esiste un grosso problema di costi che gravano sulle spalle dell’agricoltore: situazione aggravata in Italia anche da una presenza mafiosa estesa in tutta la filiera.
  • Imporre regole e controlli sempre più complessi e burocratici, e per di più continuamente modificati, rappresenta un costo inutile e spesso insostenibile proprio per quei piccoli produttori che si vorrebbe sostenere.

Contro:

  • non si deve dimenticare che fino a pochi anni fa il 50% del bilancio UE era speso in sussidi all’agricoltura (ora siamo al 30%, ma solo perché è aumentato il bilancio, l’importo è rimasto uguale). Caso eclatante è stato quello del burro europeo prodotto in Francia e Olanda a un costo doppio di quello mondiale. Non solo si doveva regalarlo o sussidiare il maggior costo, ma era un incentivo a produrre a più non posso senza badare ai costi, tanto si vendeva comunque grazie ai sussidi. In questi ultimi anni, proprio grazie ai sussidi, il reddito complessivo del settore agricolo si è incrementato più di quello dell’industria.
  • gli agricoltori chiedono di non inasprire ma piuttosto di rendere meno stringenti le regole sull’uso di pesticidi e concimi azotati. Prodotti tossici e cancerogeni che finiscono sulle tavole dei cittadini e che sono pericolosi in primis proprio per gli agricoltori che li usano.
  • Gli agricoltori godono da sempre di cospicue esenzioni dal pagamento di imposte e tasse (adesso si propone di esentarli dall’Irpef, cioè la tassa principale sui redditi) e da sempre hanno contributi pensionistici solo nominali con il risultato che le loro pensioni, per quanto ridotte, sono a carico degli altri settori

Cosa dedurne?
Ecco i risultati di un economia drogata dai sussidi. Sarebbe opportuno assegnarli non a pioggia, ma in maniera differenziata per sia per aiutare gli agricoltori più bisognosi (i piccoli) sia soprattutto per incentivare un’agricoltura meno dannosa alla salute sia degli utenti sia degli stessi agricoltori e per spingerli ad un’apertura verso il mercato mondiale utile a tutti, sia ai nostri agricoltori sia a quelli del terzo mondo.
Altrimenti si prenderanno i soliti provvedimenti tampone utili a frenare le proteste, a accontentare chi grida di più e tutto resterà come prima, fino alla prossima protesta.
Quindi sussidi mirati, studiati e concordati tra tutte le parti con obiettivi a lungo termine per risolvere un problema, quello dell’agricoltura, che esiste da decenni e non regali per avere più consensi e più voti.

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano