A Lazio vole ‘o scudetto


‘A Lazio vole vince ‘o scudetto,
nun se sa mai, nun è mai detto:
l’aquilotto cor tricolor sur petto
sogna beato fin a cadé dar letto.

Poi ariva ‘sto virus maledetto,
chiudeno li campi de calcetto,
er laziale resta ar camminetto,
a scolasse fiele in un sorsetto.

Poretto, te dedico ‘sto sonetto:
‘a gloria ariponila ner cassetto,
mica giochi ner torneo cadetto,
l’hai perso l’antico tuo vizietto.

Nun annattela a prenne cor lupetto
pecché t’avrebbe fatto da gufetto,
nun arzà ‘a cresta come ‘n galletto:
er culo te rode solo pe’ dispetto!

di Enrico Bernard

Sull'Autore

Avatar

Libertates è un blog di cultura liberale e democratica, valori nei quali crediamo ed intendiamo promuoverli nella società civile.

Post correlati