Si può fare qualcosa contro le catastrofi naturali?

Data:


Una piccola proposta concreta

Certo, è fuor di dubbio che ci sarebbero soluzioni (forse) definitive. Ma riduzione dell’inquinamento, riduzione del riscaldamento della terra ecc ecc, li vedranno forse i nostri figli…
Per quanto riguarda più modestamente la nostra Italia una riqualificazione antisismica degli edifici, una regolamentazione razionale dei corsi d’acqua, una difesa a tutto campo di Venezia sarebbero obiettivi alla nostra portata; ma occorrerebbero soldi (tanti), una volontà politica (che non c’è) e tanto tempo (che manca).
Perché allora non cercare di limitare i danni, di trasformare una tragedia irreparabile in un evento, pur sempre tragico, ma risolvibile?
Abbiamo tutti sott’occhio la sequenza temporale ormai tragicamente nota di ogni terremoto: prima il cordoglio nazionale, gli interventi di politici e di volontari, poi le promesse di risolvere la situazione con una pioggia di aiuti, poi i progetti più o meno faraonici, poi più nulla: esistono situazioni di emergenza che si protraggono da decenni.
È questo evidentemente un compito troppo complesso e pesante per una stato, anzi una burocrazia, incapace anche di gestire il quotidiano, figuriamoci le emergenze.
Perché allora non introdurre un’assicurazione obbligatoria per le catastrofi naturali: estesa a tutto il Paese, di importo diverso a seconda della classe di rischio? Non sarebbe molto diversa dall’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni o contro i danni causati alla guida di un autoveicolo; l’importo sarebbe modesto dato che il rischio è molto ridotto e risulta spalmato su tutto il Paese.
Alcuni potrebbero dire: un’altra tassa? No, perché la scelta dell’assicuratore sarebbe libera e perché questo porterebbe a un minor impegno dello Stato nella ricostruzione: a suo carico rimarrebbero solo il rifacimento di strade e palazzi pubblici.
Si avrebbe così una ricostruzione a costi e tempi certi perché sarebbero gli stessi interessati a gestirla e una riduzione dell’intervento statale, così spesso costoso, opaco e inefficace

di Angelo Gazzaniga

wp_user_avatar
Angelo Gazzaniga
Presidente del Comitato Esecutivo di Libertates. Imprenditore nel campo della stampa e dell’editoria. Da sempre liberale, in lotta per la libertà e contro ogni totalitarismo e integralismo.

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga

Ferragni: quando si “scoperchia il vaso di pandoro…”

Si potrebbe intitolare in questo modo la vicenda di questi giorni, quando si scopre che un influencer guadagna centinaia di migliaia di euro per “consigliare” un dolce che... di Guidoriccio da Fogliano