Robecchi, una Milano non da bere 

Data:


Una recensione breve di un giallo “milanese”

E’ in questa città, certo non poverissima di misteri, che si muove l’anomalo detective Carlo Monterossi, amante della tv spazzatura, di librerie e di gente normale (ma fino a un certo punto). È la creatura letteraria di Alessandro Robecchi che nel suo ultimo romanzo poliziesco, ove ci sono anche angoli di umorismo, cerca di capire perché hanno ammazzato con due colpi di pistola un imprenditore sessantenne. Sul suo cadavere viene trovato un sasso. Questo rebus s’affaccia nell’ultimo libro di Robecchi (“Torto marcio”, Sellerio,432 pag., 15 euro). Il detective “per caso” ama raddrizzare i torti. Nel racconto citato entrano in scena anche esperti di terrorismo. Ma la verità viene a galla dopo un’inchiesta clandestina senza che i riflettori dei media s’incaponiscano sul caso. Ancora una volta il genere noir offre l’opportunità di entrare nella quotidianità di una gente ben lontana dalla Milano della moda, della finanza, dei “bauscia” tutti vestiti alla stessa (costosa) moda.

di Pier Mario Fasanotti

Share post:

Iscriviti alla nostra newsletter

Recenti

Ti potrebbe interessare anche...
Libertates

DUE ITALIANI VERI

Spesso le piccole cose danno uno spaccato illuminante su certi modi di essere. Eccone due... di Guidoriccio da Fogliano

MA ESISTE UN MINISTERO DELL’ISTRUZIONE?

Il Ministro dell’Istruzione e del Merito ha giustificato l’italiano sgrammaticato del comunicato emesso in occasione della polemica sul Ramadan nella scuola di Pioltello con il fatto che lo ha dettato al telefono.... di Guidoriccio da Fogliano

HISTORIA MAGISTRA VITAE?

Non si direbbe. Salvini ha dichiarato solennemente “il popolo che vota ha sempre ragione”.... di Guidoriccio da Fogliano

Giusta la legge contro il sovraindebitamento, ma…

Un imprenditore di Imperia, attualmente disoccupato, si è visto recapitare un’ingiunzione di pagamento di 11 milioni di euro per tasse inevase da un’impresa edile di aveva delle quote... di Angelo Gazzaniga